Ravenna, istigazione al suicidio per la tragedia in carcere

La procura ha disposto l’autopsia sul corpo del 24enne che lunedì si è tolto la vita nel carcere di Ravenna, dov’era detenuto da metà agosto. Una decisione che segue l’apertura di un fascicolo per il momento contro ignoti, che vede come ipotesi di reato l’istigazione al suicidio. È atteso per questa mattina invece il conferimento dell’incarico al medico legale scelto dal sostituto procuratore Cristina D’Aniello.

I dettagli nel Corriere Romagna oggi in edicola

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui