Ravenna, la stazione cambia volto e il primo piano sarà aperto al pubblico

Nuovi spazi e nuovi servizi per fare della stazione di Ravenna un vero e proprio luogo urbano, ben integrato con la città e punto di riferimento per viaggiatori, turisti e cittadini.

Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS Italiane) realizzerà in circa un anno e mezzo interventi per 7 milioni di euro, con l’obiettivo di riqualificare il terminal ravennate migliorarne l’accessibilità e creando le condizioni per lo sviluppo di nuove attività.

“Già iniziati i lavori – si legge in una nota – per l’innalzamento del marciapiede a servizio del binario 1, per una più agevole entrata e uscita dai treni. Si tratta della seconda banchina di stazione ad essere interessata da questo tipo di intervento. A regime l’altezza di tutti i quattro marciapiedi di stazione passerà da 25 a 55 centimetri, come da standard europeo. Inoltre, sui marciapiedi verranno sostituite le attuali piattaforme elevatrici con nuovi ascensori, più idonei a servire i flussi di passeggeri che utilizzano la stazione.

La riqualificazione del cosiddetto fabbricato viaggiatori prevede invece interventi di impermeabilizzazione delle coperture, la pulizia accurata delle facciate in mattoni a vista, la realizzazione di percorsi tattili per ipovedenti, una nuova sala d’attesa, la ristrutturazione dei servizi igienici, nuovi sistemi di illuminazione a led e l’upgrading degli impianti di informazione visiva e sonora.

Ma è l’apertura al pubblico del primo piano della stazione la novità architettonica più importante. I collegamenti verticali con il piano terra, ora nascosti ed inaccessibili al pubblico, sono stati ripensati per essere totalmente a vista e posizionati nell’atrio di stazione. Saranno realizzati una scala e un ascensore e l’integrazione del primo piano nella spazialità dell’atrio avverrà con la creazione di ampie vetrate in sostituzione delle pareti affacciate sull’atrio, in modo da consentire una fruibilità prima di tutto visiva fra i due livelli.

Gli ambienti al primo piano, ristrutturati come open-space e con nuovi servizi igienici dedicati, si presteranno così ad un utilizzo flessibile: spazi multifunzione, luoghi per eventi e spazi espositivi sia all’interno che all’esterno del fabbricato, tramite la ristrutturazione e integrazione del terrazzo, che regalerà una sorprendente vista panoramica sia lato binari e Darsena che lato centro storico. Prevista anche la possibilità di collocare teche espositive negli affacci sull’atrio dal primo livello, a completamento del percorso museale già avviato con il prolungamento del sottopasso di stazione.

In programma infine, al piano terra, la riqualificazione di un’area nell’ala sinistra del fabbricato, da destinarsi a ciclofficina e velostazione, con accesso autonomo dall’esterno oltre che dall’atrio, con l’obiettivo di potenziare ulteriormente l’intermodalità nell’area della stazione ferroviaria”.

Via le rastrelliere per biciclette da lunedì

A partire dalle 7 di lunedì 21 novembre, per consentire la realizzazione dei lavori di ristrutturazione del fabbricato della stazione Fs già annunciati da Rete ferroviaria italiana, verranno rimosse le rastrelliere per le biciclette che si trovano in piazzale Farini tra i civici 12 e 15. Sulle rastrelliere sono già stati apposti cartelli informativi, ma si ricorda nuovamente a tutti che le biciclette che si troveranno ancora nelle rastrelliere saranno rimosse insieme alle stesse. Tali biciclette verranno custodite nell’area limitrofa a quella del cantiere e verrà indicato con apposita cartellonistica a chi rivolgersi per il ritiro. Le rastrelliere verranno poi ricollocate entro qualche giorno in altre aree limitrofe alla stazione.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui