Ravenna, il parcheggio scambiatore raddoppia. In arrivo 750 posti

La rivoluzione della viabilità dei lidi ravennati partirà il prossimo anno con la chiusura degli stradelli (primo tratto tra Marina e Punta Marina) e la realizzazione del parco marittimo che, superato l’ostacolo del ricorso al Tar presentato dall’azienda che era arrivata seconda al bando, potrà essere realizzato a partire dal prossimo autunno. Serve però un’alternativa ai parcheggi negli stradelli retrodunali, un luogo su cui lasciano l’auto centinaia di persone dirette al mare. Il Comune lo ha trovata nel raddoppio del parcheggio scambiatore di cui si parla da anni ma che è stato approvato nei giorni scorsi dalla giunta ti Palazzo Merlato.

Si parla di un aumento considerevole che però, secondo il cronoprogramma, non sarà pronto il prossimo anno ma nel 2023, sempre che si riesca ad appaltare il lavoro nel dicembre prossimo con inizio cantiere previsto ad agosto 2022. L’area oggetto di ampliamento sarà pari ad oltre 33mila metri quadri in un’area attualmente utilizzata per uso agricolo seminativo.

I collegamenti

Il progetto prevede per il futuro anche un collegamento diretto stradale tra Punta Marina Terme e il parcheggio, con una strada che “taglia” tra i campi andando a collegarsi con via delle Americhe. Il nuovo parcheggio sarà organizzato con tipologia similare a quello esistente. Gli stalli di sosta saranno disposti parallelamente alle corsie di manovra, con disposizione di 540 posti auto a pettine e altri 210 lungo la corsia perimetrale. Il nuovo parcheggio sarà  recintato con una struttura in legno similare a quella del parcheggio esistente. L’intervento prevederà inoltre la futura realizzazione di un collegamento pedonale al parcheggio scambiatore esistente, attraverso un sottopasso, posizionato sulla Via delle Zattere (la strada di accesso all’area), e un collegamento ciclabile, alla esistente pista ciclabile, che corre parallela alla via Trieste. Sarà inoltre prevista la manutenzione e il ripristino delle tratte di staccionata lignea degradate o divelte dei due parcheggi esistenti I lavori costeranno in totale 761mila euro.

Il primo ampliamento

Il parcheggio scambiatore di via Trieste è collegato con Marina di Ravenna e Punta Marina tramite un navetto bus gratuito (finanziato dai parcheggi a pagamento nei due lungomare) e rappresentano un servizio essenziale per i due paesi. Negli scorsi anni c’è stato un primo ampliamento in un’area adiacente che il Comune ha in uso temporaneo da parte di un privato. La nuova soluzione sarà invece strutturale e definitiva.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui