Proseguono i controlli della Polizia Locale finalizzati, oltre che al monitoraggio sull’andamento del rispetto delle misure di contenimento del contagio, a garantire l’assenza di venditori abusivi lungo le spiagge nonché il rispetto della normativa sui cani e del divieto di fumo sulla battigia.

Tra le violazioni riscontrate, singolare il caso di una 45enne, residente a Bologna, che nel giro di 48 ore ha accumulato sanzioni per oltre 600 euro.

Nello specifico alla donna sono stati contestati tre verbali, ai sensi dell’ordinanza balneare, per aver portato in spiaggia il proprio cane (tra l’altro, tentando di occultarne la presenza sotto il telo mare), per essere stata sorpresa a fumare sulla battigia e aver sepolto nella sabbia il mozzicone e una sanzione per ubriachezza molesta. Le infrazioni sono state accertate, tutte, in località Punta Marina Terme.

A Lido di Dante, nell’area della Bassona, gli agenti sono intervenuti per rimuovere un allestimento provvisorio abusivo (una sorta di mini bar), multando il responsabile – un 57enne – e ponendo sotto sequestro le attrezzature e la merce in suo possesso.

Argomenti:

fumoinspiaggia

multa

ordinanza

polizialocale

ravenna

spiaggia

Suore francescane

1 commento

  1. Il Messaggero (ed. Nazionale) del 17/06/19 pag. 16
    Il divieto di fumo sulle spiagge
    Lo scorso 13 giugno il comune di Tarquinia ha emesso un’ordinanza che vieta di fumare nelle spiagge A Marina Velka, mio personale luogo di vacanze, c’è uno stabilimento attrezzato di ombrelloni con posacenere. Per altre spiagge esiste la possibilità di munirsi di posaceneri portatili. Perché vietare il fumo e non solo l’atto di gettare cicche a terra? Silvio Pammelati Roma

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *