Ravenna, fallimento Tozzi: si lavora per trovare un acquirente

Per la Tozzi Sud e la Tozzi srl non è ancora detta l’ultima parola. Proprio ieri mattina i rappresentanti delle tre sigle sindacali hanno incontrato i curatori fallimentari – i commercialisti Marco Minguzzi e Mattia Berti – e il loro legale per chiedere spiegazioni sulle conseguenze dell’istanza di fallimento appena depositata. Il primo nodo discusso, ossia se la possibilità di salvare l’azienda sia o meno del tutto sfumata, è stato anche quello che si è sciolto con un accenno di speranza, seppur flebile. Nonostante l’istanza, sarebbe infatti ancora sul tavolo l’opportunità che le due società di Mezzano vengano acquistate da un compratore eventualmente interessato, dando così corso all’esercizio provvisorio. Tra l’altro, nonostante le difficoltà, il colosso dell’oil & gas ha ancora dei contratti interessanti in portafoglio e un gruppo di dipendenti formati, competenti e di alta professionalità. E, non ultimo, se col concordato la vendita doveva essere a prezzo di mercato, ora è passata a prezzo necessario, rendendo di fatto il potenziale acquisto della Tozzi meno dispendioso. L’unico problema è che i tempi sono stretti, anzi strettissimi, perché l’accordo dovrà essere siglato, nel caso, entro pochi giorni.

Lavoratori

Per quanto riguarda i 125 dipendenti rimasti – solo 6 stanno ancora lavorando per finire di mettere in sicurezza un cantiere del contratto “Terna” – sono invece in una sorta di limbo, sospesi dal lavoro senza alcuna certezza, con le mensilità di novembre e conseguente tredicesima saltate e il Natale ormai alle porte.

Terminato l’incontro con i commissari, nel pomeriggio i sindacati hanno incontrato i lavoratori per spiegare loro la situazione, dato che ci sono alcuni dipendenti che stanno vivendo dei gravi problemi anche di natura sociale. Per questo, tra l’altro, il 23 di dicembre sempre i sindacalisti incontreranno il sindaco di Ravenna Michele de Pascale, allo scopo spiegargli la situazione Tozzi, discutere la crisi del settore e vedere se tramite l’intervento dell’amministrazione ci sia o meno la possibilità di trovare un compratore interessato nei tempi richiesti.

Intanto emergono nuovi dettagli sulla trattativa fallita con l’azienda che avrebbe dovuto acquistare le due società. Stando alle prime indiscrezioni l’accordo di massima era stato trovato, ma all’ultimo ci sarebbero stati dei problemi di copertura nelle fideiussioni.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui