RAVENNA. Per fare carriera nella Chiesa di Scientology aveva lasciato il lavoro e persino cambiato città. Ravenna, Padova, poi di nuovo nel capoluogo Bizantino, dove alla fine da fedele membro del movimento si è trasformato nel peggiore incubo per altri due seguaci. Dalla rottura con l’organizzazione nata negli Stati Uniti, che vanta celeberrimi iscritti e un’orma storica sede anche a Ravenna, un 59enne è stato indagato per tentata estorsione, diffamazione, molestie, ingiuria e minaccia. Accuse dalle quali l’uomo, difeso dall’avvocato Brunella Baruzzi, dovrà difendersi in rito abbreviato davanti al giudice.

I dettagli nel Corriere Romagna oggi in edicola

Argomenti:

processo

ravenna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *