Ravenna, erbacce e degrado nel monumento ai caduti di Punta

Il monumento dedicato ai Caduti per la Patria di Punta Marina, è immerso nel degrado. Erba alta, rete in parte divelta, a tratti ricoperta dalla vegetazione, ma soprattutto la corona d’alloro ribaltata a terra, lasciano supporre a un atto vandalico che, sommato all’incuria, consegna una triste immagine di come la memoria pare abbia da tempo abbandonato il ricordo dei “Gloriosi caduti per la Patria”. I loro nomi sono impressi nella targa datata 19 settembre 1926, che commemora Angelo Bondi, Gaetano Ghiberti, Elviro Guberti, Secondo e Giovanni Morigi, Giacomo, Giovanni e Natale Pirazzini, e Giovanni Poletti. Il cancellino per accedervi, da via Sinistra Canale Molinetto, andando da Punga Marina verso Ravenna, è aperto e si affaccia a un cortiletto con l’erba incolta, invaso da sporcizia e piante lasciate crescere ad oltranza. Le immagini sono state pubblicate nei giorni scorsi da Marina Giusti dell’associazione Ave Ravenna.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui