Prima l’ha seguita poi, approfittando delle strade di Ravenna deserte per l’orario e l’emergenza coronavirus, all’improvviso ha gettato a terra la bicicletta aggredendola alle spalle, sfilandole i leggins e toccandola nelle parti intime prima di allontanarsi in seguito alla reazione della vittima, una 46enne che stava rincasando dal lavoro.
Grazie alle immagini delle telecamere, le forze dell’ordine hanno però identificato e rintracciato l’aggressore, un 15enne tunisino denunciato per violenza sessuale; il minore, volto già noto alle forze dell’ordine nonostante la giovane età, è stato inoltre indagato perché trovato in possesso di uno spray al peperoncino nelle tasche e per essere andato in giro senza motivo in violazione delle norme che limitano gli spostamenti a ragioni di necessità a causa del covid-19.

L’episodio risale ad alcuni giorni fa. Stando a quanto ricostruito finora dalla pg della Polizia locale di Ravenna e dalla Polizia, la donna stava facendo rientro a casa ed era risalita in via Circonvallazione San Gaetanino proveniente dall’area del parcheggio Torre Umbratica. Quando il giovane l’ha vista, l’ha seguita con la bici per un breve tratto prima di avventarsi su di lei. La reazione della donna ha poi indotto il ragazzo a scappare, ma grazie alle videoriprese degli impianti della zona gli agenti sono riusciti a estrapolare le immagini che hanno permesso di risalire al responsabile. Fotogrammi girati anche alle altre forze dell’ordine e che hanno permesso di rintracciare il ragazzo, fermato nei giorni scorsi in via Fiume da una Volante della polizia. Assistito dall’avvocato Carlotta Veronesi di Bologna, il 15enne – trovato in possesso anche di una modica quantità di marijuana – è stato denunciato alla Procura dei minori.

Argomenti:

coronavirus

denunciato

ravenna

violenza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *