Ravenna, dipendenti legati nell’ufficio postale da rapinatori vestiti da imbianchini

Hanno legato i dipendenti e una cliente, nascondendoli in uno degli uffici affinché da fuori nessuno si accorgesse di quel che stava accadendo nell’ufficio postale. Avevano i volti travisati e indossavano tute da lavoro per affrontare le telecamere di sicurezza e garantirsi un’agevole fuga senza il rischio di essere identificati. Una rapina da professionisti quella messa a segno venerdì pomeriggio alla filiale di via Fiume Abbandonato ma che finora non era mai emersa. Il bottino si aggira intorno ai 18mila euro, prelevati dalla cassaforte e dalle cassette di sicurezza. La banda si è poi dileguata a piedi in pochi minuti, avendo inoltre l’accortezza di chiudere a chiave tutti i testimoni per ritardare l’allarme e guadagnare tempo.

Vestiti da imbianchini

Indagano i carabinieri del Nucleo Investigativo, intervenuti con i colleghi della Compagnia di Ravenna dopo le 13.30, non appena ricevuta la richiesta di aiuto. Erano almeno tre i malviventi, se non altro quelli entrati a ridosso dell’orario di chiusura. In due indossavano t-shirt e pantaloni tipo da imbianchino, con chiazze di vernice e “tasconi”; il terzo aveva una camicia larga, probabilmente per sviare sulla sua reale corporatura. In tempo di pandemia non è stato necessario nascondere i volti: cappellini, occhiali da sole e mascherine sono stati sufficienti per consentire al gruppo l’accesso senza destare sospetti. E’ facile che i tre stessero attendendo il momento giusto per fare irruzione, come l’uscita dell’ultimo cliente, per avere a che fare solo con i dipendenti in concomitanza con l’orario di apertura della cassaforte temporizzata. Una volta dentro hanno minacciato la direttrice e le due addette allo sportello, premettendo che nessuno si sarebbe fatto male. Di armi non ne hanno mostrate, ma si sono limitati a intimare alle tre dipendenti di non muoversi, per poi legarle in maniera blanda e portarle in un angolo, all’interno di uno stanzino sul retro dell’ufficio. Quasi contestualmente è entrata una cliente, che è stata a sua volta immobilizzata e portata dagli altri “ostaggi”.

Testimoni “tranquillizzati”

Tra i rapinatori c’è stato anche chi si è preoccupato di chiedere ai malcapitati se stessero bene, rassicurandoli che tutto sarebbe finito in fretta. Così è stato, senza danni all’ufficio e senza che nessuno si facesse male. Andandosene con i contanti, la banda si è portata via le chiavi dell’ufficio, chiudendo per giunta la serratura. È evidente che i componenti sapessero come muoversi. Gli inquirenti hanno acquisito le registrazioni delle telecamere di videosorveglianza, tramite le quali si cercherà di ricostruire quantomeno la statura e la corporatura dei fuggitivi. Comparate con le immagini di altri colpi analoghi, potrebbero fornire preziosi riscontri investigativi.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui