Sono sei le denunce sporte dal 2017 nei confronti dei “leoni da tastiera” i cui commenti sui social nei confronti della Polizia locale hanno valicato il confine della diffamazione. Critiche oltre i limiti della dialettica pubblicati sulle principali piattaforme on line che in un caso hanno anche spinto il Corpo a costituirsi parte civile nel processo a seguito di numerosi post legati ai sequestri di merce per contrastare l’abusivismo commerciale. Gli ultimi due casi in ordine di tempo risalgono agli ultimi mesi, per commenti caratterizzati da offese ed epiteti a margine di notizie riguardanti i controlli da parte degli agenti per prevenire la formazione di assembramenti e le misure di prevenzione anti contagio da Covid-19 durante la notte di San Lorenzo.

Argomenti:

denunciati

offese

ravenna

social

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *