Ravenna, controllo all’apertura del club scambista. Titolare assolto, non servivano permessi

RAVENNA. Qualcuno era già senza vestiti, altri erano nel pieno di un rapporto sessuale che coinvolgeva dalle due persone in su. Ma tra gli avventori c’era anche chi semplicemente osservava, transitando da privè, area lap dance e angolo munito di gabbia, ribattezzato “la prigione”. Un vivace viavai al circolo privato “Naturisme”, noto ai più come “Timida”, tanto da legittimare un controllo dei permessi per l’apertura di un locale adibito a pubblico spettacolo. Quell’accertamento, terminato nel febbraio 2016 con un verbale nei confronti del presidente e socio fondatore del circolo scambista, ha fatto capolino ieri in tribunale a Ravenna, dove è arrivata l’assoluzione con formula piena “perché il fatto non sussiste”.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui