RAVENNA. Nessuna circonvenzione d’incapace: don Brioschi voleva lasciare quei 400mila euro alla famiglia dell’amico parrocchiano che purtroppo era scomparso qualche anno prima. È questo, in buona sostanza, quello che emerge dalla sentenza con la quale ieri pomeriggio il giudice Federica Lipovscek ha assolto un 69enne di San Bartolo, portato a processo perché quando la banca allora vide quegli assegni per un importo tanto rilevante si insospettì, decidendo di informare la Procura della Repubblica.

I dettagli nel Corriere Romagna oggi in edicola

Argomenti:

accusa

cade

circonvenzione

eredità

prete

ravenna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *