Ravenna, alla tomba di Dante il gran finale di “Ahi serva Italia!”

Alla tomba di Dante a Ravenna si tiene oggi il gran finale di “Ahi, serva Italia! Dante visto da Shakespeare”, prima competizione teatrale interamente basata su un romanzo, da rappresentare in strade e piazze delle città d’arte della Penisola. L’iniziativa, curata dal festival dantesco e patrocinata tra gli altri dalla Società Dante Alighieri e dalla Fondazione Luigi Einaudi, è ora nella fase decisiva che coinvolge artisti ed ensemble teatrali con esibizioni dal vivo.

Il concorso è basato sull’omonimo libro di Monaldi & Sorti (Solferino Editore), ogni esibizione è tratta o ispirata da passi del romanzo teatrale-narrativo, e può vantare due sostenitori d’eccezione: il regista Pupi Avati ha infatti lodato lo «sguardo sacrale» di Monaldi & Sorti, e l’attrice Monica Guerritore li ha definiti «direttori artistici della pagina scritta».

Il teatro di strada è uno dei temi caratteristici nel romanzo ispiratore del concorso. In tutte le località coinvolte (si è partiti l’8 agosto da Firenze), gli spettacoli della finale sono stati subito riconoscibili grazie alle quinte con le figure inconfondibili di Dante e Shakespeare. Dante e la Divina Commedia diventano protagonisti di un dramma di Shakespeare, rappresentato in brevi spettacoli (tra i 15 minuti e i 30 minuti di durata), replicati nel corso della giornata, secondo la formula del teatro di strada in tutta la sua ricchezza espressiva: attori, musicisti, acrobati e anche figure peculiari dell’arte popolare come cantastorie, con tanto di teloni dipinti, e uomini-orchestra. La tipologia dei partecipanti è straordinariamente varia: ci sono anche compagnie teatrali già rodate, o singoli attori di teatro, e perfino ensemble shakespeariani che usciranno in strada per l’occasione.

E oggi dunque la conclusione a Ravenna con lo spettacolo “Dante e Piccarda” – proposto fra le sculture e le installazioni della mostra “Dante plus 2022” di Marco Miccoli – dagli attori Cristina Ugolini nei panni della Chiacchiera e di Piccarda, e Riccardo Cecere nei panni di Dante. Cecere curerà anche le musiche da vivo. Si tratta di un dialogo inatteso fra il poeta e la religiosa. Dante confessa le sue visioni a Piccarda. Occasione per toccare i temi danteschi più diversi.

Orario spettacoli: 16.15; 17.15; 18.15. Premiazione infine a Roma il 14 settembre al Globe Theatre, luogo shakespeariano per eccellenza della capitale.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui