Ravenna, accesso abusivo a sistema informatico, militare condannato

RAVENNA. L’indagine nei suoi confronti era scattata quando un conoscente, arrestato per droga, aveva fatto il suo nome parlandone come di un amico, forse per evitare le manette. Da qui sono iniziati i guai per un carabiniere, finito a processo prima con l’accusa di rivelazione di attività d’indagine, e ieri condannato a tre mesi (con pena sospesa) dal collegio penale, che ha riqualificato il reato giudicandolo colpevole di essere entrato abusivamente nel sistema informatico interforze.

Presunte “soffiate”
Su quale fosse la corretta procedura in tema di accesso alla banca dati delle forze di polizia, si è discusso durante tutta la fase dibattimentale, davanti ai giudice Antonella Guidomei, Andrea Chibelli e Natalia Finzi.
Secondo il capo d’imputazione l’appuntato dei carabinieri (nel 2013 operativo ad Alfonsine e ora trasferito a Capri) aveva consultato “di nascosto” il cosiddetto Sdi (il sistema informativo interforze) per verificare eventuali pendenze a carico di due persone. Aveva inserito i nomi dell’albanese e di un altro connazionale, marito di un’amica. I tabulati telefonici avevano mostrato anche alcuni contatti reciproci, alimentando i sospetti di presunte “soffiate” su attività coperte da segreto. Ma da quegli accertamenti non solo non era emerso nulla di compromettente, ma con le proprie credenziali l’appuntato non avrebbe potuto vedere eventuali attività di indagine in corso. Un aspetto che ieri ha portato il sostituto procuratore Cristina D’Aniello a chiedere l’assoluzione, prima di riqualificare il capo d’imputazione contestando il solo accesso abusivo.
I controlli, ha sempre sostenuto l’imputato, li aveva fatti utilizzando però le proprie credenziali, sulla base di «spunti investigativi» che poi non avevano dato alcuno sviluppo. Per questo il difensore, l’avvocato Enrico Ferri, annuncia l’intenzione di presentare appello ritenendo che l’accesso al sistema informatico era stato eseguito legittimamente poiché per fini istituzionali.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui