Ravenna, 11 pregiudicati hanno percepito il reddito di cittadinanza: un danno di oltre 40mila euro

I finanzieri della 1a Compagnia di Ravenna, della Compagnia di Faenza e della Tenenza di Lugo, nell’ambito delle quotidiane attività di servizio finalizzate a contrastare l’indebito accesso a prestazioni assistenziali e a misure di sostegno al reddito, hanno individuato e sanzionato 11 pregiudicati che tra giugno e ottobre 2020 hanno ottenuto illecitamente il reddito di cittadinanza anche per il periodo in cui erano ristretti in regime detentivo, con un danno per l’ente pubblico assistenziale di oltre 40.000 euro.

Con la legge di conversione del Decreto Legge n. 4/2019 istitutivo del Reddito di Cittadinanza è stato infatti inserito nel testo il comma tredicesimo dell’art. 3 che prevede una specifica decurtazione del sussidio pubblico qualora il nucleo familiare beneficiario annoveri tra i suoi componenti soggetti che si trovano in stato detentivo ovvero la sospensione del beneficio per il periodo di detenzione se l’arrestato è l’unico beneficiario. In merito, l’attività ispettiva è stata avviata a seguito di un’analisi a vasto raggio sui nominativi acquisiti presso il Ministero della Giustizia – Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria, relativamente ai soggetti che hanno richiesto il beneficio antecedentemente o in costanza di detenzione.

Gli analitici riscontri portati quindi a termine dai Reparti territoriali dipendenti dal Comando Provinciale della Guardia di Finanza in collaborazione con l’Inps hanno permesso di riscontrare tali segnalazioni e di individuare ben 11 soggetti, già reclusi in carcere per vari reati, che facevano parte di nuclei familiari che avevano riscosso il beneficio senza alcuna decurtazione non avendo provveduto a segnalare tale circostanza, né in sede di prima istanza, né successivamente.

Nel dettaglio, in 6 casi l’istanza per il sussidio era stata avanzata direttamente dallo stesso soggetto poi ristretto agli arresti, mentre in 4 casi dal coniuge e solo in 1 caso da altro familiare. Gli arrestati, di cui 6 cittadini italiani e 5 extracomunitari, residenti in Ravenna, Faenza e Bagnacavallo, sono risultati detenuti sia in fase di custodia cautelare che per espiazione della pena definitiva, con riguardo ad un novero di gravi reati tra cui ricettazione, spaccio di sostanze stupefacenti, estorsione, rapina, furto in abitazione, resistenza a pubblico ufficiale, lesioni personali gravi e maltrattamenti in famiglia.

In un caso, poi, il soggetto controllato non solo è risultato essere sottoposto alla misura cautelare detentiva, ma a suo carico è stata anche accertata la mancata indicazione tra i componenti del proprio nucleo familiare della madre, percettrice di pensione e intestataria di diversi cespiti patrimoniali, atteso che, se dichiarata, non gli avrebbe consentito di ottenere il Reddito di cittadinanza per il superamento della soglia massima reddituale prevista dalla legge.

Al termine degli approfondimenti svolti tutti gli 11 illeciti percettori del Reddito di Cittadinanza sono stati segnalati alla competente sede territoriale dell’INPS per il recupero delle somme indebitamente riscosse e sono stati altresì denunciati alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Ravenna per il reato previsto e punito dall’art. 7 del D.L. n. 4/2019, che prevede la reclusione da due a sei anni per coloro che producono dichiarazioni o documenti falsi o attestanti cose non vere.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui