Raul Gardini, l’uomo che inventò la bioeconomia

RAVENNA. Si terrà domani a Ravenna alle 17.30, al Palazzo dei Congressi di Largo Firenze, la presentazione del libro di Mario Bonaccorso “L’uomo che inventò la bioeconomia. Raul Gardini e la nascita della chimica verde in Italia”. Il libro, pubblicato da Edizioni Ambiente, ripercorre, in modo estremamente documentato, la nascita e lo sviluppo del progetto di integrazione tra chimica e agricoltura che era al centro del pensiero e delle azioni di Raul Gardini tra l’inizio e la fine degli anni Ottanta. Un pensiero che si concretizzò con l’acquisizione di Montedison da parte del Gruppo Ferruzzi e la nascita di Novamont, oggi uno dei leader nel mercato mondiale delle bioplastiche. Dal libro emerge con chiarezza e ricchezza di dettagli come la visione dell’imprenditore ravennate prefigurasse con trent’anni di anticipo quelli che oggi sono posti come indirizzi obbligatori per la sopravvivenza dell’economia europea: bioeconomia ed economia circolare, chimica verde, materiali biodegradabili basati sull’utilizzo di materie prime rinnovabili da scarti e sottoprodotti dell’agroindustria. Alla presentazione interverranno, insieme all’autore, Catia Bastioli (a.d. di Novamont), Michele De Pascale (sindaco di Ravenna), Marco Fortis (vicepresidente della Fondazione Edison), Gian Luca Galletti (ex ministro dell’Ambiente), Massimiliano Giansanti (presidente di Confagricoltura) ed Elena Fabbri (presidente del Campus di Ravenna dell’Università di Bologna).

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui