RIMINI. Tutto è cominciato parlando di ritmo. Ed è andato avanti al ritmo di otto puntate. Giovedì 23 aprile il debutto. Il riminese Antonio Coatti, musicista e insegnante di musica, è entrato nella Banda dei fuoriclasse, programma Rai in onda tutte le mattine durante la quarantena su Rai Gulp, condotto da Mario Acampa (ribattezzato «il maestro Manzi 2.0») e rivolto agli allievi e allieve delle scuole primarie e secondarie di primo grado.
«Mi ha chiamato uno degli autori, Federico Taddia, con cui avevo già lavorato – spiega il musicista e insegnante riminese –. Dovevo limitarmi a un contributo per una puntata che sarebbe andata in onda di lì a qualche giorno. Hanno talmente gradito che mi hanno subito proposto un contratto per altre sette puntate».
Questa mattina è in programma un nuovo collegamento, il sesto, dall’abitazione in zona Celle dove Coatti vive con la moglie Emanuela Di Cretico, anche lei insegnante e musicista (è concertista di flauto dolce) e il figlio. In attesa del gran finale, mercoledì 10 giugno, ultima puntata del format concepito per la didattica a distanza e realizzato nel Centro di produzione Rai di Torino. Nel corso della trasmissione il conduttore Mario Acampa guida il giovane pubblico in un itinerario didattico composto da lezioni, contributi video, collegamenti in videoconferenza con esperti, così da fornire un programma scolastico di emergenza che tocca un po’ tutte le materie curricolari. Tra queste, anche l’insegnamento musicale. E la scelta dell’insegnante è caduta appunto su Coatti che in ogni puntata ha coinvolto anche la moglie Emanuela. Ne sono scaturiti duetti fuori dal comune, che hanno subito fatto innamorare, oltre al giovane pubblico, conduttore e autori del programma. Dopo la breve lezione di musica, infatti, Antonio ha scelto ogni volta un brano eseguito con le conchiglie, che da anni – lui diplomato in trombone – usa con grande originalità come strumenti musicali.
Durante le lezioni, ogni volta collegate al tema della giornata (il rap, l’amore, la bellezza…), Coatti è passato dal trattare dei diversi tipi di strumenti musicali, al linguaggio musicale vero e proprio, con i concetti di melodia e armonia, per arrivare a far conoscere agli studenti i grandi compositori, da Beethoven – di cui insieme alla moglie ha eseguito un frammento della Terza sinfonia usando come strumenti particolari i Gemshörner – a Vivaldi, che ha offerto lo spunto per parlare della forma concerto e di fare brevemente ascoltare, dalla celebre Primavera, il canto degli uccellini e il tema della primavera. Per arrivare a Schönberg e Kandinski, al centro della lezione di questa mattina. Prossima puntata, martedì 9 giugno, dedicata al jazz. Per chiudere il 10 giugno, quando saranno protagonisti, insieme al prof Coatti, anche 82 studenti e studentesse della Scuola media Alighieri di Rimini che appariranno in un video multiscreen assemblato durante il lockdown dallo stesso Coatti. Sei classi musicali dell’Alighieri eseguiranno insieme il brano Let the sunshine in (dal film Hair). Grande bravura ed emozione allo stato puro. Applausi.

Argomenti:

televisione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *