Punta Marina, una domenica con 5 salvataggi per la Guardia Costiera

Brutta avventura per alcuni bagnanti, domenica in tarda mattinata, che solo grazie all’intervento tempestivo dei soccorritori non ha avuto gravi conseguenze a causa del mare molto mosso e del vento teso forza 5 proveniente da sudest (scirocco).

E’ accaduto in località Punta Marina Terme, mentre la motovedetta di soccorso CP 328 della Capitaneria di porto – Guardia Costiera di Ravenna si trovava già in mare per dare assistenza ad un gruppo di canoisti, che poi sono riusciti pur a fatica a rientrare in spiaggia autonomamente.

Nel frattempo, la sala operativa della Capitaneria di porto riceveva la segnalazione di tre persone in mare, in pericolo, vicino alla scogliera frangiflutti, e quindi dirottava immediatamente la CP 328 che giungeva sul posto in pochi minuti. L’equipaggio della motovedetta, utilizzando il dispositivo di aiuto al galleggiamento in dotazione, riusciva a recuperare a bordo i malcapitati, tra cui una ragazza minorenne ed il bagnino che inizialmente aveva tentato il salvataggio a nuoto. I tre, stremati ma salvi, venivano condotti in porto ed affidati alle cure del personale del 118.

Salvati due giovani svizzeri

Non passava molto che giungeva un’altra segnalazione, nuovamente due bagnanti in difficoltà di fronte al litorale di Punta Marina Terme. Disposto l’intervento immediato della CP 328, che in breve raggiungeva il punto indicato e portava in salvo i malcapitati, due ragazzi di nazionalità svizzera, di cui uno minorenne, affidati al personale del 118 una volta all’ormeggio in porto.

Provvidenziale la collaborazione prestata in occasione di entrambi gli interventi da parte di un secondo bagnino, uscito in mare con il pattino di salvataggio in condizioni meteo-marine molto difficoltose, che garantiva un primo appoggio sicuro alle persone in pericolo in attesa dell’arrivo della motovedetta della Guardia Costiera.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui