CASTEL SAN PIETRO. Malati di scabbia e in stato di ipotermia. Sei profughi afghani viaggiavano in queste drammatiche condizioni per entrare in Italia, nascosti nel cassone frigorifero di un tir proveniente dal porto di Salonicco in Grecia e diretto via terra al porto di Ancona. Sono stati i carabinieri della stazione di Castel San Pietro Terme a fare la sconcertante scoperta, aprendo il portellone di carico di un autocarro destinato al trasporto refrigerato di feta, il formaggio tradizionale greco, che si era fermato in un’area di servizio sugli Stradelli Guelfi. Alla vista dei militari che stavano ispezionando il cassone frigo del veicolo, i profughi, magri, malati e in evidente stato di shock provocato dall’ipotermia, hanno iniziato a urlare, chiedendo aiuto. Soccorsi dal 118, i malcapitati sono stati trasportati d’urgenza al pronto soccorso dell’Ospedale di Imola per ricevere le prime cure. Dopo molte ore, assistiti dall’Arma di Imola , dai sanitari dell’Ausl e con l’interessamento del personale dell’ Igiene e Sanità Pubblica di Imola e della Prefettura di Bologna, cinque profughi sono stati trasferiti in un “Centro Accoglienza Straordinaria”, mentre il sesto, positivo al Covid 19, è stato sottoposto alla sorveglianza sanitaria, con isolamento fiduciario in un albergo di Imola. L’autista del tir che si era fermato all’area di servizio per fare rifornimento di gasolio al suo autocarro, 62enne serbo, dipendente di un’azienda ungherese di trasporti su gomma, è risultato estraneo alla vicenda. L’Autorità giudiziaria è stata informata dai carabinieri del Nucleo Operativo Radiomobile di Imola che hanno avviato le indagini.

Argomenti:

castel san pietro

covid

profughi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *