CESENA. Un cesenate sarà tra i protagonisti a giugno del “Primavera Sound Festival”: una delle feste musicali più note su scala mondiale che quest’anno a Barcellona spegnerà 20 candeline.
I grandi festeggiamenti si svolgeranno nella leggendaria casa del festival ovvero il “Parc del Fòrum”, con il Mar Mediterraneo sullo sfondo a giornate intense di musica di ogni genere e di firme prestigiose a livello mondiale.

Da Cesena a Milano

Lorenzo Senni è un musicista elettronico residente a Milano. Non tanti forse sanno che si tratta di un giovane talento cesenate della musica elettronica.
Di lui le riviste specializzate parlano come di una icona consolidata del secondo decennio del nuovo millennio. La sua bibliografia negli ultimi 8 anni parla di una continua scalata.
Senni si è affacciato alla ribalta internazionale in seguito al meritato clamore suscitato dalla pubblicazione dell’album Quantum Jelly (2012) per le Editions Mego, a cui è seguita, quattro anni più tardi, la firma di un contratto per la prestigiosa etichetta britannica Warp Records, evento discografico, ma anche simbolico, che ne ha sancito definitivamente la legacy tra i grandi dell’elettronica Made in Uk ed internazionale.
Nato a Cesena nel 1983, le sue prime esperienze musicali lo hanno visto prima come chitarrista in band hardcore punk locali, poi batterista nel trio Le Harmacy, gruppo experimental noise con i Black Dice come punto di riferimento.

Escalation continua

Nel tempo Senni ha approfondito progressivamente le sue passioni in ambito laptop music (specializzandosi nell’utilizzo dei software di sintesi sonora Max/Msp e SuperCollider), concretizzatesi nella pubblicazione, nel settembre del 2008, dell’album Early Works. Nel 2010 Senni pubblica per la sua label Dunno, ulteriore passo avanti nell’esplorazione delle possibilità della computer music. Il 2012 è per Senni un anno cruciale: a poche settimane di distanza escono due dischi che testimoniano due diverse facce di un’unica svolta importante, determinata da una passione entomologica dell’artista verso la trance anni ’90.
Poi la ricerca di Senni sulle componenti della trance si sposta sui breakdown. Nel 2013 il podcast AM+TXTR01 realizzato per la portoghese Acoustmatics/Mathematics testimonia lo sviluppo di un lavoro che doveva vedere la luce per l’etichetta americana Blae ma che alla fine non è mai stato concretizzato in release ufficiale. Nell’agosto del 2014 viene pubblicato da Boomkat il quarto album ufficiale di Lorenzo Senni: Superimpositions.

Lorenzo Senni suona poi al Sonar 2015, una riconferma dopo l’esordio nell’edizione del 2013, nella quale aveva curato la serata finale. Nel 2016 – ad ottobre – è la volta della firma contrattuale con la label britannica Warp Records che comunica, il giorno dell’annuncio ufficiale, una serie di showcase tra Londra, Milano (Dude Club), Torino (all’interno di Club To Club 2016), Montreal e New York. Il mese successivo viene dato alle stampe Persona, un EP che è praticamente un mini album.
Nel settembre del 2017 Senni pubblica, ancora per Warp… “un viaggio rave-voyeuristico nel lato puntillistico di tutte le mie diverse influenze e musicalità”.
Ed ora è tempo della ribalta Live del grande festival primaverile catalano.

Argomenti:

cesena

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *