Prenotano hotel a Rimini, dirottati a Lido di Savio, albergatore di Cesenatico a processo

RAVENNA. Aveva prenotato una vacanza per tutta la famiglia in un hotel a quattro stelle di Rimini, peccato che a pochi giorni dalla partenza fosse stato dirottato in una struttura a tre stelle a Lido di Savio. È così che il padre di famiglia rimasto scottato, che tra l’altro è un avvocato del foro di Roma, ha deciso di sporgere denuncia per la truffa subita, di cui sono chiamate a rispondere davanti ai magistrati quattro persone. Il procedimento che si è aperto ieri per vagliare l’ipotesi di reato di truffa vede tra gli imputati anche Christian Coppola, 49enne di Cesenatico, il cui nome è associato alla bancarotta della società “Royal Holiday”, che secondo l’accusa della procura di Ravenna rilevava alberghi sulla riviera romagnola per poi svuotarli e portarli al fallimento. Per queste ultime accuse si dovranno però trovare eventuali riscontri nel processo di primo grado, la cui prima udienza non è ancora stata fissata. Il processo partito ieri, invece, vede Coppola imputato insieme ad altre tre persone: un 29enne di Rimini, un 66enne di Potenza e un 41enne di Napoli, difeso dall’avvocato Massimo Martini.

I dettagli nel Corriere Romagna in edicola

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui