Prende a forbiciate il collega. Tragedia sfiorata a Faenza VIDEO

Quattro o cinque sforbiciate. Non stiamo parlando di un taglio di capelli ma di colpi sferrati contro un collega di lavoro, nel corso di una banale discussione avvenuta all’interno di un poltronificio. È accaduto nel primo pomeriggio di ieri in via De Crescenzi, all’interno di un’azienda situata all’inizio della strada chiusa che si immette in via San Silvestro. Il destinatario dei fendenti, un 43enne di origini cinesi, è stato soccorso e portato d’urgenza all’ospedale “Bufalini” di Cesena, dove si trova ricoverato nel reparto di Rianimazione in prognosi riservata. L’aggressore, un connazionale 55enne, è stato arrestato dalla polizia di Stato ed è ora accusato di tentato omicidio.

Sfiorato il cuore

I colpi hanno raggiunto il torace sono stati sferrati con un paio di forbicioni da sartoria, poi sequestrati; almeno uno ha sfiorato il cuore. Una scena da brividi quella avvenuta intorno alle 13.30, all’interno del magazzino al civico 9. Ad assistere c’erano gli altri colleghi, alcuni dei quali hanno seguito l’intera dinamica dei fatti fin dall’inizio. Pare che i due stranieri, entrambi dipendenti dell’azienda, si stessero provocando da un po’ di tempo. Ma che cosa abbia scatenato la brutale aggressione resta ancora da chiarire e potrebbe spiegarlo lo stesso 55enne, portato in commissariato dagli inquirenti. I testimoni invece sono stati sentiti dagli agenti del commissariato di Faenza, intervenuti ieri sul posto insieme agli uomini della Squadra Mobile, informando nel frattempo anche il sostituto procuratore di turno Marilù Gattelli.

Prime dichiarazioni

Per tutto il giorno le auto della polizia sono rimaste nei pressi dell’azienda. Nessuna insegna all’esterno. In apparenza un’abitazione sfitta, con un magazzino sul retro, affacciato a un parcheggio. Da lì è partita la chiamata di soccorso, descrivendo alla centrale operativa del 118 la gravità della situazione. Profonde le pugnalate subite dal 43enne. Da valutare ancora se anche il rivale che lo ha accoltellato sia rimasto ferito a sua volta nel corso della discussione. Davanti agli inquirenti avrebbe cercato di spiegare la sua versione di quanto accaduto; un racconto che dovrà essere naturalmente confrontato con le testimonianze dei presenti e dello stesso connazionale ricoverato, nella speranza che nelle prossime ore le sue condizioni – inizialmente descritte come gravissime – migliorino.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui