Premilcuore, Salmonata umana: trionfo dei Vichinghi

Più di 150 figuranti nei costumi più imprevedibili da Biancaneve con i sette nani, ai Vichinghi, Samurai, matrone dell’antica Roma, hanno partecipato al corteo della Salmonata Umana, con l’ideatore Stefano Baruffi vestito da Capitan Sparrow sulla tolda di comando. «Un successo eccezionale – spiega Baruffi – che ci rende orgogliosi e felici dopo un lavoro di preparazione durato quattro mesi. I partecipanti di tutte le età, sono arrivati da diverse regioni d’Italia ma altrettanto numerosa è stata la presenza del pubblico dislocato sulle tribune naturali di via Roma che sovrastano il percorso».

Lungo di percorso di alcune centinaia di metri con una cascata finale da risalire aggrappandosi alle corde si sono sfidati una cinquantina di partecipanti fra maschi e femmine. Tra gli uomini ha vinto in una finale combattutissima fino all’ultimo, Massimiliano Abbenante 30 anni, ingegnere energetico di Apricena con l’hobby dell’arrampicata in montagna. Ha superato in volata Giammarco Vignali 25enne geometra di Predappio che gioca a calcio, caduto a due metri dal traguardo. Al terzo posto Luigi Illari di Castrocaro che ha corso vestito da Samurai ed ha vinto il premio per il miglior costume. Nella categoria donne ha prevalso Francesca Crispo 26 anni di Russi, giocatrice di spicco della Romagna Rugby di Cesena che ha preceduto l’alfiere di casa Martina Fabbrica con Martina Stefani terza classificata. Il gruppo dei Vichinghi, di cui faceva parte la vincitrice della tornata femminile, ha fatto incetta di premi conquistando anche quello per i migliori costumi di squadra consistente in un cesto di prodotti tipici locali. «Per il prossimo anno – conclude l’ideatore della Salmonata – vogliamo aggiungere qualche altro tassello senza snaturare o cambiare una formula che ha successo».

Il gruppo dei Vichinghi

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui