Predappio apre a interventi meno onerosi sui fabbricati rurali

Mercoledì 26 maggio il Comune di Predappio ha avviato l’iter amministrativo per modificare il Piano Strutturale Comunale, in particolare per quanto riguarda la disciplina dei fabbricati vincolati in territorio rurale che sono circa 300 e rappresentano un patrimonio importante.

La decisione di dare maggiori libertà di intervenire sugli edifici che hanno subito il degrado del tempo, ponendo criteri mirati e promuovendo una qualità architettonica diffusa, ha l’obiettivo di consentire interventi meno onerosi che siano energicamente e sismicamente efficienti e sicuri, rispettosi delle caratteristiche del contesto rurale e storico-architettonico in cui si trovano. Allo stesso tempo, l’Amministrazione intende legare gli interventi sugli edifici a buone pratiche di gestione del fondo, incentivando così il ritorno a una vita rurale che diventi presidio attivo per il territorio in cui si colloca il fabbricato, non solo rifugio dalla vita di città.

“Questo principio – afferma il sindaco Roberto Canali – è tanto più necessario ora che, in seguito alla pandemia da Coronavirus, si è innescata una riflessione sulla società odierna e i suoi ritmi. Il lockdown ha mostrato i limiti di alloggi spesso piccoli e carenti di spazi aperti, ma anche le potenzialità di soluzioni come lo smartworking che dà la possibilità di lavorare lontano dai grandi centri di produzione e dagli uffici del terziario”.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui