Altri tre positivi e un paziente morto nella clinica di Cotignola

Altri tre positivi e un paziente morto nella clinica di Cotignola

Un morto (un 79enne piacentino ricoverato nella struttura) e altri tre operatori sanitari contagiati. E’ un dato drammatico quello reso noto dalla stessa direzione sanitaria del Maria Cecilia Hospital di Cotignola. La cinica in serata ha infatti confermato non solo le circostanze della morte di un paziente ma anche che a seguito di accertamenti fatti in via precazionale su personale che presentava sintomatologie sospette, è stata riscontrata positività per infezione da CoViD-19 su tre operatori sanitari della struttura. <Gli operatori – si specifica nella nota – erano già stati posti in isolamento preventivo presso la loro abitazione e le loro condizioni al momento sono stabili. Si stanno effettuando i necessari controlli sui pazienti e sul personale sanitario entrato in contatto con gli operatori>.

Poche ore prima , come detto, si era invece registrato proprio nella clinica il settimo morto in provincia si tratta di un paziente ricoverato nella clinica e deceduto «per una concomitanza di gravi patologie pregresse». Il paziente era stato trasferito da un altro ospedale il 15 febbraio 2020 e «aveva un quadro clinico estremamente compromesso fin dal momento del ricovero»: doveva essere sottoposto a un delicato intervento neurochirurgico di asportazione di un meningioma cerebrale. Nella notte del 6 marzo, a seguito di un episodio di dispnea associato a febbre alta, era stato fatto un tampone al paziente e così era stata accertata la positività al coronavirus. «Già all’esordio della sintomatologia sospetta – scrive ancora la direzione sanitaria della clinica – il paziente era stato precauzionalmente spostato in area separata dagli altri degenti al fine di garantire la sicurezza degli altri reparti».


Argomenti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *