Porto di Ravenna, terzo giorno di proteste. “Ma ora basta”

RAVENNA – Al terzo giorno di proteste che fermano la regolare attività dello scalo ravennate, Comune e Autorità portuale dicono basta. E chiedono, senza troppi giri di parole, di sbloccare la situazione. Ieri i rallentamenti imposti dalla contestazione degli autotrasportatori venuti dal Mezzogiorno si erano già attenuati e per le prossime giornate l’emergenza appare rientrata. Oggi e lunedì i presìdi con ogni probabilità non sussisteranno.

La giornata di giovedì era stata tesa, con un autotrasportatore ravennate, aderente al presidio, rimasto ferito. Secondo la ricostruzione della Questura un evento totalmente fortuito, con il 40enne curato all’ospedale che avrebbe urtato il mezzo mentre questo ripartiva. Il clima però si era reso ancor più rovente anche con il diffondersi della notizia di gomme squarciate ad un autotrasportatore posteggiato nel piazzale prospiciente al Tcr. L’atto vandalico però era avvenuto nella notte precedente all’inizio dei blocchi e non appare pertanto legato alle manifestazioni poi avvenute.

Giovedì comunque l’appello ad una risolutezza nei confronti dei manifestanti era giunto dal Comitato unitario dell’autotrasporto, che considerava l’azione un danno alle ragioni del settore, impegnato in una trattativa al ministero. In serata poi era giunta la notizia, oltre che del sostegno al settore dell’autotrasportatore della conferenza Stato-Regioni, anche dello stanziamento di 80 milioni da parte del Governo. Ieri è giunta invece l’azione contemporanea di sindaco ed assessora al porto, con la presa di posizione del presidente dell’Autorità di sistema portuale.

La presa di posizione

«Il blocco dello scalo, attuato con condotte che vanno ben oltre alle manifestazioni autorizzate, che stanno provocando conseguenze di ordine pubblico e danni dal punto di vista economico e commerciale, non è più tollerabile – affermano il sindaco Michele De Pascale e l’assessora Annagiulia Randi –. Siamo ovviamente totalmente solidali con gli autotrasportatori che, come altre categorie, stanno avendo gravi problemi legati al caro energia. Sindacati e associazioni hanno ottenuto un primo importante stanziamento dal Governo a cui dovranno seguire altri provvedimenti a sostegno della categoria». Primo cittadino e componente di giunta ringraziano «le forze dell’ordine e di polizia e la Prefettura di Ravenna per l’impegno profuso in queste ore. Serve uno sforzo ulteriore affinché si ripristini immediatamente la piena operatività del porto nell’interesse di tutta la comunità. Ci giungono notizie anche di atti vandalici e comportamenti scorretti verso gli autotrasportatori che, in questo quadro di difficoltà, vogliono esercitare il proprio lavoro». La questione è rilanciata dal presidente dell’ente portuale, Daniele Rossi, che spiega come «fatto salvo il diritto a manifestare, non si può tollerare il blocco perdurante di un’infrastruttura critica e strategica per la Regione ed il Paese. I problemi non si risolvono aggravando la situazione».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui