Ponte del 2 giugno, il prefetto: “Gli assembramenti saranno puniti”

RAVENNA. Un ponte con controlli per evitare assembramenti in aree pubbliche come spiagge, parchi e pinete, ma soprattutto in quei punti delle località della provincia in cui è più probabile il rischio assembramenti. E’ quanto deciso dal comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, presieduto dal prefetto Enrico Caterino, che si è tenuto in prefettura assieme al sindaco di Cervia, al vicesindaco di Ravenna, e a tutti i vertici delle forze dell’ordine. L’obiettivo è quello di evitare che la ripresa delle attività e in particolar modo la riapertura dei locali sia accompagnata da assembramenti, comportando così il rischio di una nuova diffusione del coronavirus.

Per il prefetto – si legge nella nota diramata dall’ufficio territoriale del Governo – “i notevoli rischi di contagio connessi agli assembramenti” riguardano specialmente i giovani. Per questo si “ritiene necessario richiamare soprattutto i giovani ad una maggiore attenzione e sensibilizzarli ulteriormente anche per quanto concerne le possibili conseguenze per i propri familiari di un comportamento incauto”. La nota prosegue con un avvertimento: “Dopo una prima fase di persuasione e di richiamo sarà inevitabile adottare una linea di rigore e di fermezza, con l’applicazione delle sanzioni previste qualora si persista nella violazione delle disposizioni relative all’emergenza sanitaria”.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui