RAVENNA. Dal 14 al 24 maggio 2020 (dalle ore 18, sulla pagina Facebook ErosAntEros, il canale Youtube ErosAntEros, il sito polisteatrofestival.org e in contemporanea sul sito emiliaromagnacreativa.it) la terza edizione di “Polis Teatro Festival“, il festival del teatro e della partecipazione di Ravenna, non si ferma in questo momento di distanziamento fisico e di crisi globale, e si trasforma in un convegno internazionale dal titolo Quale teatro per il domani?. Convegno che avrà come chiave di lettura il ripensare il ruolo del teatro all’interno della società e chiamare a rapporto la comunità teatrale internazionale di artisti, operatori, studiosi e spettatori, che la compagnia ErosAntEros è riuscita a creare attorno a sé durante il suo primo decennio di attività.

Quale teatro per il domani?scrivono i direttori artistici, è il titolo che abbiamo deciso di dare a questa nuova edizione e allo stesso tempo la domanda che durante le giornate del festival declineremo in altre cinque domande sui canali web di ErosAntEros e di EmiliaRomagnaCreativa. Come nei nostri lavori di compagnia e negli spettacoli che siamo soliti ospitare al festival, il teatro si fa strumento di riflessione sul presente, così, nell’impossibilità di vivere fisicamente i luoghi teatrali, il festival si trasforma in una grande riflessione collettiva sul teatro, capace di offrire spunti importanti per costruire il dopo

Per continuare a coinvolgere i cittadini attraverso progetti partecipativi che ricordino loro il ruolo fondamentale che essi hanno all’interno dell’evento teatrale, “Polis 2020”, lancia una chiamata agli spettatori della polis teatrale idealefino al 17 maggio, chiunque può partecipare inviando un contributo video di massimo 2 minuti  alla mail organizzazione@erosanteros.org, oppure tramite messaggio privato alla pagina Facebook di ErosAntEros, raccontando il proprio rapporto con il teatro, come sta vivendo questo momento di sospensione delle programmazioni dal vivo e/o come si immagina il ritorno nei teatri domani. I contributi raccolti in questo modo confluiranno nella diretta video dell’ultima giornata del festival, domenica 24 maggio 2020.

Prima della pandemia, il programma del festival 2020 avrebbe dovuto essere dedicato al tema dei diritti umani e dell’esilio, con un denso programma di spettacoli, incontri e progetti partecipativi. Per questo si è scelto come sua immagine guida un bellissimo ritratto di Yoko Ono e John Lennon dell’artista-attivista Gianluca Costantini. In questa delicata situazione, in cui i contatti personali sono limitati, crediamo che questa opera sia ancora di più in grado di parlare al nostro presente, ricordandoci l’essenzialità di un gesto profondamente umano come l’abbraccio e la forza politica che esso può sprigionare. Info: organizzazione@erosanteros.org.

Argomenti:

ErosAntEros

Polis

ravenna

teatro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *