Poggio Torriana, la Myo: “Corsi di felicità ai dipendenti”

Mettere il benessere psicofisico dei propri dipendenti e collaboratori al centro delle politiche dell’azienda. La Myo di Poggio Torriana crede fortemente nelle potenzialità di questo cambio di passo non solamente per migliorare le condizioni di lavoro, ma anche per dare slancio all’impresa intera. E grazie alla collaborazione con il centro Domus Medica di San Marino ha organizzato un ciclo di cinque incontri fra i lavoratori e i professionisti della salute (psicologi, dietisti, dermatologi, ginecologi, urologi ed esperti di prodotti naturali) per approfondire temi come lo stare bene con se stessi e con la propria famiglia, il rapporto con il cibo e la corretta alimentazione, la prevenzione e la gestione dello stress.

«Il progetto nasce da un’attenzione particolare al periodo durissimo da cui veniamo, soprattutto sul piano mentale – spiega Simona Bianchini, azionista e direttore generale di MyO – . L’iniziativa mira a sostenere le persone, e in particolare le lavoratrici, migliorando la loro vita in azienda a tutto tondo. Già giovedì, al primo incontro, abbiamo avuto un riscontro entusiasta con una partecipazione di quasi 50 colleghi, circa un terzo di tutti i nostri collaboratori».

Un incontro che è anche il primo progetto curato dal neonato comitato imprenditoria femminile di Confindustria.

«Siamo orgogliose di essere partite da un’iniziativa concreta, di grande sensibilità al contesto attuale – commenta Alessia Valducci, vicepresidente dell’associazione con delega all’imprenditoria femminile –. Stiamo uscendo da una pandemia che ha toccato in prima persona molte di noi, sottraendo serenità ed energie al nostro modo di vivere e lavorare. La cura delle risorse più importanti che abbiamo, le persone, è un atto di gentilezza e vicinanza che può restituire fiducia».

«Un momento di crisi può diventare un’opportunità – osserva Carla Amadori, psicologa e psicoterapeuta coordinatrice degli incontri – per scoprire nuove potenzialità poco conosciute o non espresse».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui