Pnrr: a Ravenna e provincia 13 milioni per le scuole

Dal Piano nazionale di ripresa e resilienza sono in arrivo per il Comune e la Provincia di Ravenna 12,85 milioni di euro per la nuova scuola elementare di Ponte Nuovo e per l’istituto Olivetti – Callegari. Nel territorio della provincia di Ravenna anche il Comune di Alfonsine ha ricevuto un finanziamento per un intervento di edilizia scolastica pari a 3,29 milioni. Nel dettaglio, il Comune sì è aggiudicato 8,3 milioni, pari all’intero investimento necessario per la primaria di Ponte Nuovo, e la Provincia 4,55 milioni, anche in questo caso pari all’intero finanziamento necessario, per la demolizione e la ricostruzione di due corpi di fabbricato dell’istituto professionale statale Olivetti – Callegari (sede di via Umago 18) da destinare principalmente a nuova palestra e biblioteca.

La notizia è stata ufficializzata ieri, con la pubblicazione, sul sito del ministero dell’Istruzione, della graduatoria degli interventi candidati alla “Costruzione di nuove scuole mediante sostituzione di edifici” all’interno della missione 2 del Pnrr “Rivoluzione verde e transizione ecologica”, componente 3 “Efficienza energetica e riqualificazione degli edifici”. Sono solo due degli interventi candidati dagli enti del territorio della provincia di Ravenna in materia di edilizia scolastica. Per gli altri si è in attesa dell’uscita delle relative graduatorie. Secondo quanto stabilito dal ministero, la progettazione preliminare di tutti gli interventi all’interno della graduatoria uscita ieri, che dovranno essere scuole particolarmente innovative, sarà affidata a tecnici individuati dal ministero stesso, sulla base di linee guida improntate principalmente al più basso impatto ambientale possibile e alla sostenibilità. Gli enti beneficiari dei fondi si avvarranno poi dei medesimi progettisti per lo sviluppo delle fasi definitiva ed esecutiva delle progettazioni.

La nuova scuola di Ponte Nuovo sarà realizzata all’angolo tra via del Pino e via 56 Martiri, accanto al polo per l’infanzia 0 – 6 in corso di progettazione e che sarà finanziato con fondi Inail. Sostituirà le due scuole esistenti Ceci, che accoglie le prime e le seconde classi, e Gulminelli, in via del Pino, frequentata dalle classi terze, quarte e quinte. I nuovi spazi potranno anche accogliere, qualora ce ne sia la necessità, un terzo numero di corsi oltre ai due attualmente attivati. La struttura architettonica si svilupperà a due piani; sono inoltre previsti una mensa con relativa cucina e una palestra che potrà essere utilizzata anche a servizio dalla collettività.

Per quanto riguarda l’istituto Olivetti – Callegari l’intervento prevede la demolizione di due corpi di fabbricato, uno attualmente destinato a deposito e uno principalmente a palestra, e dei relativi locali di servizio. Si prevede la realizzazione di nuovi spazi dedicati a diverse attività, con la creazione di cinque laboratori polifunzionali al servizio di una didattica di eccellenza per una scuola professionale, una nuova palestra, con relativi servizi, di dimensioni maggiori rispetto all’esistente, in grado di ospitare contemporaneamente due classi, e una nuova biblioteca in sostituzione di quella attuale, anch’essa posta in uno dei due corpi di fabbricato da demolire. Si prevede infine la realizzazione di un nuovo locale tecnico in adiacenza alla centrale termica e la conseguente rivisitazione dell’impianto di riscaldamento. A questo intervento si dovrebbe aggiungere nei prossimi mesi quello a cui la Provincia aveva dato priorità sull’articolo 5 del Pnrr, per l’Istituto “Ipsia” di Lugo.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui