Plastica a Rimini, il viaggio dal rifiuto al riciclo

Qual è il destino di una bottiglia di plastica? Pensare che la sua “vita” finisca nel momento in cui la gettiamo nella spazzatura è un errore bello e buono. E’ infatti proprio quando viene “buttata via” che per quel contenitore vuoto, apparentemente inutile, si aprono le più ampie prospettive. In un momento storico che sta iniziando a mostrarsi sensibile verso lo spreco e la dispersione di materiali plastici, così incredibilmente resistenti e quindi nocivi per l’ambiente, un ruolo decisivo ce l’ha chi si occupa di decretare se e come la plastica “vecchia” può tornare a una nuova giovinezza.

[meta_gallery_slider id=”91491″]

A segnare il successo o l’insuccesso per i polimeri di plastica, che corrispondono al riciclo e all’incenerimento, sono infatti gli impianti di selezione e recupero, come quello di Herambiente a Coriano. Qui infatti, il nastro trasportatore e la mano dell’uomo “scrivono” le sorti di quelli che a prima vista sono solo rifiuti, ma che in realtà rappresentano una vera e propria risorsa.

Il racconto del “viaggio della plastica” sul Corriere Romagna oggi in edicola

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui