Pier Pierucci. A volte basta uno spaghetto

Chi non si vaccina rischia di doversi pagare le cure in caso di contagio Coronavirus. È una proposta lanciata qualche giorno fa e che i media hanno evidenziato. E c’è chi come me, a primo impatto ha apprezzato.

Mi è bastato però il tempo di uno spaghetto con l’amico Enrico Pozzi, che la mia posizione è cambiata. Enrico mi ha fatto notare che se questa cosa fosse giusta, lo dovrebbe essere altrettanto nel caso di chi si fuma due pacchi di sigarette al giorno e poi incide sui costi della Sanità pubblica per curarsi dal cancro ai polmoni. Osservazione interessante, che ha messo in crisi le mie certezze. Mi chiedo: ma allora chi ha lanciato quella proposta, non l’ha ragionata abbastanza?

Certo, il tempo di uno spaghetto è assai lungo rispetto a quello che passa da una pulsione emotiva alla pubblicazione di un tweet. Ma forse chi lancia proposte dall’alto di un incarico pubblico, o chi rilascia intervista a un media, dovrebbe per forza permettersi almeno il tempo di un confronto a voce alta con qualcuno.

Siamo sempre lì: il tema è la capacità di governare le pulsioni, dare predominanza alla riflessione, lavorare attraverso il confronto e la condivisione.

Però tutto sommato quella proposta come principio non è affatto male… a patto che vada estesa su tutto.

D’altronde le assicurazioni ce lo insegnano: una cosa è essere coinvolti in un incidente stradale mentre viaggi ai duecento all’ora, un’altra se ti capita mentre rispetti i limiti.

È il famoso concorso di colpa. Andavi forte? Ne paghi le conseguenze… anche se è stato quell’altro a non rispettare lo stop.

Quindi: come facciamo con i fumatori accaniti e i conseguenti malanni ai polmoni? E con quei malati di cuore che malgrado tutto, ogni fine pasto il caffè lo prendono super corretto?

E con quei diabetici che mangiano come vogliono, “tanto la sera mi sparo l’insulina”?

Va forse costruito un nuovo paradigma nel rapporto tra causa, effetto e responsabilità.

Il principio potrebbe essere questo: io non ti vieto niente, semmai ti consiglio e ti do le linee guida… e tu puoi fare come ti pare. Però le conseguenze negative le paghi tu. Ma anche ragionando solo tra me, capisco che questa linea comporta forti cortocircuiti. Sarebbe come dire: compra pure il kalashnikov, ma se poi lo usi…

Questo paradosso mi spiazza e mi mette in crisi e più in là di così, non riesco ad andare: i limiti mie, ho in parte imparato a conoscerli. Il tema forte è comunque il senso di responsabilità… il quale, affiancato al buon senso e alla condivisione prima dell’agire, produrrebbe un mix micidiale, probabilmente capace di sconfiggere qualsiasi virus.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui