Piccioni e rischio sanitario sotto al loggiato: Comune di Cesena costretto a spendere

L’invadenza dei piccioni si fa sentire in modo sempre più pesante sotto il porticato del Comune, e così si è deciso di adottare contromisure per arginarne la proliferazione. Una necessità particolarmente sentita in un punto dove c’è un costante via vai di cittadini diretti negli uffici di Palazzo Albornoz, ma anche al Mercato coperto, all’ufficio turistico e alla “Vineria del Popolo”, ubicati di fianco. Soprattutto il locale va difeso da una presenza che, oltre che essere molesta, può diventare problematica anche dal punto di vista igienico-sanitario, vista la presenza dei tavoli all’aperto sotto il loggiato.

Ancora i colombi in quella zona non sono particolarmente numerosi, ma si è creata ormai una piccola colonia stanziale. I volatili si appoggiano in particolare su tiranti e capitelli, nonostante esista un sistema di allontanamento. Ma probabilmente, col passare degli anni, ha subito alterazioni, perdendo efficacia.

Quindi si è deciso di pulire le parti imbrattate di guano. Ma soprattutto si aggiornerà il sistema anti-piccioni posizionando nuove molle e aghi nelle zone che ne sono sprovviste, e più in generale migliorando il complesso dei dispositivi di dissuasione.

Dell’intervento si occuperà la ditta specializzata cesenate “Dodo”, che ha sede in via delle Pesche. Il costo previsto ammonta a quasi 2.700 euro. Si conta di completare l’intervento entro la fine di quest’anno.

La presenza di piccioni in alcune zone del complesso comunale è un problema cronico. In particolare, in passato, prima della ristrutturazione del Foro annonario, i venditori dei banchi di frutta e verdura erano costantemente alle prese con quel fastidio. E anche quel pericolo per la salute derivante dal contatto tra gli alimenti e i piccioni, che sono potenziali portatori di malattie infettive, fu una delle motivazioni date quando si decise di realizzare i lavori che hanno portato a una metamorfosi radicale della struttura.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui