MISANO. Maltrattamenti in famiglia, minaccia e lesioni personali perpetrati nei confronti della compagna convivente, una riminese 49enne, sono le accuse che hanno portato in carcere un 46enne nato a Catania e domiciliato a Cattolica. L’ordinanza di custodia cautelare arriva al termine di una speditiva attività d’indagine condotta dai carabinieri della Stazione di Misano Adriatico intervenuti giovedì scorso nel locale di Cattolica dove lavora la donna. Da quanto ricostruito dagli investigatori al loro arrivo, poco prima, in preda all’ennesima scenata di gelosia, il 46enne aveva insultato, picchiato e minacciato di morte la compagna, accusandola di tradimento. I carabinieri di Misano hanno subito chiesto alla procura un provvedimento di allontanamento dell’uomo dall’abitazione in cui viveva con la donna ma ripercorrendo con lei pregressi episodi di violenza mai denunciati, hanno ricostruito un quadro accusatorio nei confronti del 46enne che è stato ritenuto grave al punto di richiedere nei suoi confronti un ulteriore provvedimento cautelare, concretizzatosi nel successivo arresto effettuato nel pomeriggio di ieri, su disposizione del sostituto procuratore Luca Bertuzzi.

Argomenti:

arresto

cattolica

compagna

minacce

misano

violenza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *