È tempo di ripartenza per il teatro Socjale di Piangipane, che vara il programma 2020/2021, nella speranza di portarlo a termine, in questo travagliato anno che doveva essere di grande celebrazione del centenario del locale. Naturalmente la stagione è condizionata dall’emergenza sanitaria presente e passata: presente perché si adegua in vari modi alle nuove regole, e passata perché sono inseriti in cartellone alcuni recuperi di spettacoli annullati in primavera scorsa (per cui restano validi i biglietti acquistati).

L’unica cosa che resta invariata, pilastro del circolo alle porte di Ravenna, sono i cappelletti serviti tra il primo e il secondo tempo degli spettacoli, mentre gli adeguamenti alle nuove modalità prevedono il dimezzamento della capienza, e il doppio concerto nella stessa serata in alcuni casi (sarà possibile acquistare il biglietto per il primo, per il secondo o per entrambi). Sarà così già per il primo appuntamento: venerdì 6 novembre con due set diversi dei JBees, nove elementi di una cover band disco music anni ’70 e ’80, con costumi e coreografie a tema. Un’altra cover band è in cartellone il 18 dicembre: sono i Killer Queen, che celebrano venticinque anni di carriera con lo show “Is this a real life or is it just fantasy?”, naturalmente basato sui brani di Freddy Mercury e soci. Per quanto riguarda la musica d’autore, il 13 novembre Filippo Graziani mette da parte la sua notevole carriera solista, e interpreta il repertorio del padre Ivan, uno dei più geniali e sottovalutati cantautori degli anni ’80, e il 15 gennaio arriva Francesco Baccini, noto cantautore genovese dalla lunga carriera, in assolo a piano e voce.

Il resto del programma è fortemente orientato al jazz, spesso applicato ad un repertorio specifico: si comincia il 20 novembre con il trombettista triestino Enrico Rava, decano del jazz italiano, in duo con il chitarrista Roberto Taufic. Si tratta di un doppio set in collaborazione con Crossroads, così come “Sarà tre volte Natale e festa tutto l’anno”, titolo benaugurante per il concerto dedicato al repertorio di Lucio Dalla dal trio Peppe Servillo (voce), Javier Girotto (sax soprano e baritono) e Natalio Mangalavite (pianoforte, tastiere e voce). La collaborazione con Crossroads si completa il 4 dicembre con il doppio set del duo Paolo Fresu (tromba, flicorno ed effetti) e Bebo Ferra (chitarra).

Intriso di jazz anche il concerto del 22 gennaio, con il pianista e compositore Dado Moroni insieme a Mietta, una delle più belle voci italiane, con una carriera passata nel pop, stavolta alle prese con gli standard italiani e internazionali in chiave jazz. Al di fuori di ogni classificazione è la serata dell’11 dicembre, che vedrà sul palco da solo Davide Toffolo, leader dei Tre Allegri Ragazzi Morti, uno dei più importanti gruppi rock indipendenti italiani. Toffolo è anche uno dei più noti e bravi fumettisti italiani, infatti la serata sarà divisa tra disegni, parole e musica, dei Tarm e non. Il titolo è “Andrà tutto benino”.

Info: www.teatrosocjale.it

Argomenti:

musica

piangipane

teatro socjale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *