Personaggi riminesi: l'impresa della bambina in bici nel 1906

Mar 25 Giugno 2019 | Manlio Masini


Personaggi riminesi: l'impresa della bambina in bici nel 1906

Wed 2 October 2019 | Manlio Masini

Continuiamo con l’atletismo, che come abbiamo scritto nei precedenti articoli è uno dei fenomeni socio-culturali più coinvolgenti del Ventesimo secolo, addirittura sinonimo di progresso e di modernità. La nostra indagine, tuttavia, più che sulle attività agonistiche si indirizza sulle piccole notizie di cronaca – estrapolate dai vecchi giornali locali – che ci consentono di ficcare il naso nel costume dell’epoca. La vicenda che ci accingiamo a raccontare accade nel 1906 e riguarda una bambina riminese di 11 anni: Elda Bonini.
La fanciulla, che ha richiamato la nostra attenzione, non ha molti interessi comuni con le sue coetanee: alle bambole, ai garbati giochi femminili o alle riflessioni sulle sane letture adolescenziali preferisce la bicicletta. «Nulla di male», si potrebbe dire oggi. Ma a quei tempi la bicicletta, che ancora si continua a chiamare velocipede, è considerata un diversivo tutto maschile. Poche sono le donne che azzardano a “esibirsi” sulle due ruote: pedalare è un’azione sconveniente per una ragazza di buona famiglia. Le ingombranti sottane non solo impacciano i movimenti e fanno sorridere la gente, ma inducono anche molti benpensanti ad arricciare il naso e a domandarsi: «Dove andremo a finire di questo passo?».

Primi anni del Novecento, pattuglia di “pizzardoni biciclettati” da Manlio Masini, “Anni di fuoco”, Panozzo, 2003


Donna ciclista: un passo avanti
sulla strada dell’emancipazione
«Di sicuro molto lontano», ammiccano le suffragette di questo prezioso congegno della famiglia delle “locomobili”. Proprio così. La donna ciclista è un altro passo avanti sulla strada dell’emancipazione femminile, un’altra battaglia vinta nell’affermazione dei diritti; un ulteriore scossone a quella società arcaica tenacemente ancorata alle rigide convenzioni di una morale e di un ordinamento spudoratamente maschilisti.
A Elda Bonini, tuttavia, questi strani pensieri non passano per la mente e neppure a suo padre, Giovanni, un brav’uomo che riversa sulla figliola tutti i suoi entusiasmi sportivi non avendo avuto la “soddisfazione” di un primogenito maschio.
Bonini è semplicemente convinto che il nuovo mezzo di trasporto rappresenti il più grande anelito di libertà del Ventesimo secolo. Iscritto al Touring Club ciclistico dal 1895, è un autentico pioniere della bicicletta e le sue escursioni per i paesi della Romagna sono note a tutti i riminesi. In città è conosciuto anche per essersi battuto, nel 1895, a favore della «libera circolazione dei velocipedi». Quell’anno infatti, a causa dei continui incidenti provocati dai primi spericolati «amanti del brivido e dell’equilibrio», c’era chi, per tutelare l’incolumità dei pedoni, pretendeva di vietare il transito a questi «mostri del progresso tecnologico» in alcune strade del centro storico e della marina (Atti del Consiglio comunale di Rimini, 11 maggio 1895).
La polemica sulle due ruote e sui rischi che correvano i passanti assumeva in quegli anni tonalità talmente grottesche da indurre il Municipio a occuparsene. L’argomento era trattato in diverse sedute di Consiglio comunale e il 15 aprile 1895 la Giunta amministrativa arrivava persino a emanare il Regolamento per la circolazione dei velocipedi. Ne scaturiva una normativa favorevole a quanti come Bonini propugnavano la tesi della «libera circolazione in libera strada», ma concedeva il “privilegio” del transito solo ai «biciclettisti» in regola con il pagamento della tassa comunale e in possesso di patente di guida. Un documento, questo, che veniva rilasciato da una «commissione di esperti» dopo un accurato esame pratico, da effettuarsi nelle logge dei palazzi comunali e in piazza Cavour.
Il raid Bologna-Rimini
della fanciulla riminese
Bonini, in seguito a questa vittoria del «progresso tecnologico», consolidava l’amore per le due ruote inculcando anche alla figlia la sua stessa passione. Elda, infatti, dopo aver imparato a pedalare all’età di 8 anni – nel 1903, all’epoca del primo Giro ciclistico di Francia – accompagnava sempre più spesso il padre nelle periodiche uscite in bicicletta diventando un’autentica atleta della pedalata, pronta e disponibile per imprese memorabili.
E così, sul finire dell’estate 1906, Giovanni decide di far compiere alla figlia il “raid” Bologna-Rimini. Ritenendo questa “pensata” di pubblico interesse – siamo in un periodo di spettacolari record sportivi – comunica il giorno, l’ora, il luogo della partenza e l’itinerario non solo a parenti e amici, ma anche alla stampa.
Il “raid” riesce, ma non ha molta risonanza: pochi i curiosi e alcuni persino contrariati dall’«assurda faticaccia» imposta a una undicenne. Dei giornali di casa solo La Riscossa, il 22 settembre 1906, riferisce la «storica pedalata»: in un piccolo trafiletto di cronaca, confuso tra le notizie cittadine, troviamo le congratulazioni alla «robusta fanciulla» per il felice esito della prova.

Quanto voteresti questa pagina?

Clicca sulla stella per votare

Voto medio / 5. Conteggio voti:

Tag:, , , , ,

Scrivi un commento...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *