Parma, Barezzi festival dedicato a Battiato

Un’edizione speciale, dedicata a un artista immortale, capace di attraversare Mondi Lontanissimi e renderli vicini, farli convivere. Dal 4 al 6 novembre 2021 torna a Parma Barezzi Festival che dedica la sua quindicesima edizione a Franco Battiato, da poco scomparso, che fu ospite d’eccezione della prima edizione del festival nonché riferimento artistico di quelle successive e delle tante edizioni a venire. Ispirato alla sua figura, Barezzi 2021 adotta come sottotitolo Mondi lontanissimi, a ricordare l’immenso talento di Battiato nel creare ponti, nell’unire musiche e culture.

Nel segno del Maestro il Teatro Regio di Parma e l’Auditorium del Carmine accoglieranno alcuni dei migliori nomi della scena musicale italiana e internazionale. A cominciare, giovedì 4 novembre 2021, dalla “Cantantessa” Carmen Consoli, che in 25 anni di carriera si è affermata come una delle artiste più raffinate, intense e originali del panorama musicale italiano e che sarà a Parma per la prima data del tour di presentazione del suo nuovo album Volevo fare la Rockstar, che ha raccolto i consensi entusiasti di pubblico e critica. Venerdì 5 novembre 2021 tocca a Iosonouncane, consacrato dal suo ultimo disco IRA come uno dei più coraggiosi e innovativi artisti della scena indipendente nazionale e reduce da un tour che ha attraversato tutta Italia a colpi di sold out. Gran finale sabato 6 novembre con la band post-punk irlandese Fontaines D.C., che presenta per la prima volta nel nostro Paese il suo travolgente secondo disco A Hero’s Death.

Al loro fianco, tanti artisti dal percorso musicale riconosciuto e stimato renderanno omaggio a Franco Battiato, riproponendone interi album o alcune canzoni. Ed ecco quindi che a Barezzi Snug – i concerti alle 13 al Gran Caffè del Teatro – venerdì 5 novembre William Manera reinterpreterà L’era del cinghiale bianco (1979) e sabato 6 novembre Pino Marino Patriots (1980). A Barezzi Off – i live nel pomeriggio al Ridotto del Teatro Regio di Parma – Guido Maria Grillo giovedì 4 novembre riproporrà Il Vuoto (2007), Nicolò Carnesi venerdì 5 novembre Caffè de la Paix (1993) mentre Alessio Bondì sabato 6 novembre con La Sicilia di Battiato darà voce e anima ad alcune canzoni in siciliano del Maestro. A seguire lo storico tastierista del Maestro Filippo Destrieri lo omaggerà nello spettacolo Il Padrone della Voce.

All’Auditorium del Carmine, a breve distanza dal Teatro Regio, giovedì 4 novembre alle ore 19.00 i Radiodervish saranno protagonisti de In Prima Luce – Tributo a Franco Battiato mentre venerdì 5 novembre Alessandro Nidi con il suo Ensemble proporranno Genesi di Genesi. Un festival dunque come attento alle molteplici sfaccettature dell’espressione musicale. Qualità, purezza, ricerca, coraggio, indipendenza: una sequenza scritta da sempre nel DNA del Barezzi Festival, la stessa che animava Franco Battiato. Una visione di Musica universale e contaminata che si conferma anche in questa edizione 2021: gli artisti scelti rappresentano infatti avamposti di ricerca, dialogo tra generi e culture, precursori di nuovi percorsi o innovatori di quelli esistenti, coraggiosi, indipendenti e originali. Esattamente come fu Franco Battiato, esattamente come si prefigge di essere, ancora una volta, Barezzi Festival.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui