«Questo è un progetto diverso da quello di Rimini e, al netto dell’approfondimento di questioni tecniche, mi sembra molto interessante e positivo».

I due progetti

L’assessore regionale al turismo e alle infrastrutture, Andrea Corsini, promuove Agnes, l’hub energetico delle rinnovabili che vorrebbe al largo delle coste ravennati un parco eolico costituito da 56 pale, oltre al solare fotovoltaico e alla produzione di idrogeno “verde” in mare con l’immissione nei gasdotti già esistenti in Adriatico.

Il componente della Giunta Bonaccini aveva bocciato, nei mesi scorsi, il progetto depositato da Energia Wind 2020, costituito da 59 pale eoliche a partire da 5,4 miglia dalla riva riminese. Il progetto Agnes, studiato dalla ravennate Qint’x, vedrebbe 16 turbine posizionate a circa 8 miglia dalla riva, per poi posizionare le restanti ad una distanza fino alle 12 miglia.

Le valutazioni

Uno degli elementi che induce Corsini ad una valutazione molto diversa: «La differenza è sostanziale, io sono favorevole alle energie alternative ma i progetti non vanno presi a scatola chiusa. Ed oltre ad una maggiore distanza dei rotori dalla riva, con un impatto visivo quindi meno importante, ci sono altre valutazioni che mi inducono a pensare che lo scenario ravennate sia totalmente differente».

Il titolare della delega al turismo nella Giunta regionale valuta anche «la maggiore completezza del progetto presentato da Qint’x. Parliamo di eolico, certo. Ma anche di solare galleggiante, di idrogeno e di riutilizzo di impianti esistenti».

E l’esistenza di altri impianti che testimoniano la tradizione ravennate di sviluppo del campo energetico sono un’ulteriore motivazione che induce Corsini a sostenere Agnes: «Diciamocela chiaramente. A Rimini il turismo è tutto. Ravenna ha una plurivocazione invece, e ha conosciuto il turismo dopo aver sviluppato industria e il complesso dell’energia. Questo ha portato anche allo svilupparsi, storicamente, di un paesaggio diverso, con la presenza delle piattaforme metanifere. E all’interno di questo ambito, le pale eoliche verrebbero molto più facilmente compendiate».

Uno scenario che vedrebbe già unita la Giunta regionale, visto che proprio ieri Corsini si sarebbe confrontato con il collega delegato alla green economy e allo sviluppo: «Del progetto Agnes ho parlato stamani (ieri per chi legge, ndr) con Vincenzo Colla. Anche lui mi pareva favorevole al progetto anche perché si inserirebbe nella strategia che sta caratterizzando Ravenna come hub delle energie rinnovabili, considerando anche il progetto in campo sulla CO2 da parte di Eni».

Argomenti:

parco eolico

ravenna

rimini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *