Parchi gioco “chiusi”, ordinanza del sindaco di Castel San Pietro

Parchi gioco "chiusi", ordinanza del sindaco di Castel San Pietro
Il sindaco di Castel San Pietro Fausto Tinti

CASTEL SAN PIETRO. <#iorestoacasa significa #iorestoacasa>, dice perentorio il sindaco di Castel San Pietro Fausto Tinti. E affinché i suoi cittadini non abbiano più dubbi, oggi pomeriggio ha emesso un’ordinanza rafforzativa di quanto già prescritto dall’ultimo decreto emanato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, con la quale di fatto “chiude” i parchi pubblici. <Decretare che è possibile uscire solo per comprovate esigenze di lavoro, di salute e di approvvigionamento di generi alimentari ed evitare gli assembramenti significa letteralmente che è necessario uscire solo per comprovate esigenze di lavoro, di salute e di approvvigionamento di generi alimentari ed evitare gli assembramenti -scrive Fausto Tinti ai suoi cittadini -. L’ordinanza vieta l’uso dell’area  giochi per i bambini, che può essere veicolo di diffusione del contagio, lo svolgimento di giochi e sport di squadra e tutti gli assembramenti in genere. Iniziamo a rispettare queste dure ma semplici  indicazioni da subito. I carabinieri e i nostri agenti sono giorni che, presidiando ripetutamente la città e le frazioni, sono costretti a disperdere intere comitive di adolescenti che poi, allontanatesi le forze dell’ordine, proseguono con le attività precedenti. Gli ultimi numeri del contagio ci dicono che nemmeno più i giovani sono risparmiati dal contagio. Ecco perché invito tutte le famiglie a fare opera di persuasione sui propri figli, spiegando la gravità della situazione e il rischio che corrono e a cui sottopongono gli altri senza agire con attenzione e responsabilità ». Da domani mattina si passa dall’avviso ai fatti: <La nostra polizia locale ha avuto il preciso incarico di provvedere a identificare e a sanzionare chi non rispetta le misure prescritte -sottolinea il sindaco in una comunicazione a tutti i cittadini e inviata alla stampa locale -. Sia chiaro, care cittadine e cari cittadini, se vi multerò sarà per tutelare voi e i vostri figli. Una tutela non solo dal virus, ma anche dall’eventuale verificarsi di episodi di violenza o contrasti fra quei castellani che provano a dissuadere gli altri dai comportamenti sbagliati e chi  rispedisce malamente al mittente i suggerimenti non richiesti. Lo ripeto, muoviamoci tutti nella stessa direzione. Facciamo in modo che non ci sia bisogno di alcuna sanzione. Facciamo in modo che vinca la responsabilità. Grazie a tutti>.

Argomenti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *