Le pantofole tradizionali finlandesi si producono a Bagnacavallo

BAGNACAVALLO. Da qualche mese, dopo che la principale azienda finnica del settore ha chiuso la produzione , “Aino” e “Reino”, due tipi di pantofola che in Finlandia rappresentano una sorta di patrimonio nazionale, vengono prodotte a Bagnacavallo. A realizzarle il calzaturificio Emanuela che, forte di un’esperienza di oltre 50 anni, è stato selezionato dal gruppo Finlayson preposto a produrre ed esportare le pantofole tradizionali finlandesi. Un rapporto iniziato a metà dello scorso anno, concretizzato negli ultimi mesi del 2019 con la consegna di circa 50mila paia di pantofole e che nel 2020 dovrebbe vedere raddoppiare la fornitura, con l’estensione dei modelli anche a misure da bambini (dal 20 al 34) e per piedi grandi (oltre il 46).

«Da tempo stiamo cercando di implementare l’export, grazie alla partecipazione a diverse fiere e al rapporto con vari agenti in Europa – racconta Emanuela Bacchilega, titolare del calzaturificio fondato nel 1966 dai genitori –. Con la Finlandia non avevamo mai lavorato: questo contatto è davvero importante e si sta irrobustendo giorno dopo giorno. Partendo dai loro modelli abbiamo creato nuovi stampi ad hoc e realizzato le pantofole con materiali di maggior qualità, come il feltro o i tacchi di sughero».

E il gradimento in Filandia è stato immediato, complice anche una apposita campagna realizzata dalla Finlayson per promuovere questa nuova joint venture, basata sulla filosofia in linea con i dettami dell’economia circolare e dell’attenzione all’ambiente nella realizzazione delle calzature (per le quali non vengono usati solventi né colle mentre viene impiegata plastica riciclata).

Ora è prevista a marzo una prima “trasferta” in Finlandia dei vertici del calzaturificio per verificare anche di persona il successo dei due modelli. a.r.g.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui