Panieri: “Rafforzare la sinergia con il Governo per il GP di Imola”

«Il Gran Premio di Imola, come quello di Monza, ha necessità di sostegni che vanno oltre quelli di livello territoriale, perché è un appuntamento decisamente significativo sia dal punto di vista economico sia sotto l’aspetto delle ricadute». E «ci possono essere le condizioni per rafforzare la sinergia con il Governo, che non è utile esclusivamente per Imola, ma anche per l’intero Paese».

Il primo cittadino Marco Panieri è ottimista sul fatto che il nuovo Esecutivo manterrà il patto di compartecipazione alle spese per l’organizzazione della Formula 1 a cui l’ex presidente del Consiglio Mario Draghi ha dato il proprio via libera nell’ottobre dello scorso anno. Un impegno che l’ex sindaco e senatore Daniele Manca ha voluto indirettamente richiamare attraverso la presentazione di un emendamento al Decreto legge Aiuti quater che chiede di destinare 20,5 milioni di euro di finanziamenti all’autodromo Enzo e Dino Ferrari per assicurare gli investimenti necessari per garantire la permanenza del circus sulle rive del Santerno.

Opportunità nazionale

«Il Gran Premio dell’Emilia-Romagna e, successivamente, il progetto più ampio del Gran Premio del Made in Italy e dell’Emilia-Romagna hanno dimostrato in questi anni di quante opportunità il territorio, da Imola alla regione e a tutto il Paese, può godere – sottolinea Panieri –. Senza questa collaborazione stretta fra il territorio, la Regione e lo Stato non si sarebbe potuto organizzare neanche l’evento mondiale della Fia a Bologna (il Fia Prize Gala del 9 dicembre, ndr)». E «non avremmo avuto la Formula 1 e moltissimi altri eventi, come le Finali Ferrari, che stanno cercando Imola perché la nostra città è tornata al centro dei calendari internazionali – osserva –. Questa promozione dell’intero Paese, ancora di più dopo la pandemia, è resa possibile anche grazie alle relazioni fra le istituzioni e gli enti. È una collaborazione molto importante».

Fiducia

Dall’insediamento del Governo Meloni, «personalmente, non ho ancora avuto l’occasione di scambi formali con ministri o con rappresentanti del Governo – aggiunge il sindaco –. Però l’auspicio di tutti, anche dei gruppi di opposizione che sono al governo a livello nazionale, è quello di un gioco di squadra che torni a mettere al centro l’opportunità del Gran Premio di Formula 1 per il nostro territorio. Confidiamo in questo. La partnership con l’Aci va sostenuta e va rafforzata». E indipendentemente dall’esito dell’emendamento in Commissione Bilancio a Palazzo Madama, «speriamo che il suo contenuto possa essere preso in considerazione dal Governo – continua –. Il ministro di riferimento potrebbe essere quello delle imprese e del Made in Italy Adolfo Urso, ma potrebbero essere coinvolti anche quello del turismo e quello dello Sport, Andrea Abodi».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui