Pandemia: da Cesena un aiuto ai bimbi

Un libro rivolto a chi è in cerca, professionista o no, di strumenti per aiutare bambini e bambine ad affrontare l’impatto che la pandemia ha avuto sul piano sociale e relazionale. Si chiama “Il meraviglioso mondo di Dora” e lo ha scritto Mariasole Valentini, marchigiana di nascita e ormai cesenate di fatto, psicologa ad indirizzo clinico e di comunità, psicoterapeuta sistemico relazionale familiare, terapeuta Emdr per la rielaborazione di eventi traumatici o percepiti come tali. La prefazione del libro è a cura di Luisa Martini (psicologa, psicoterapeuta, didatta e supervisore Iipr, responsabile delle sedi Iipr di Siena e Ancona), la postfazione invece è stata scritta da Isabel Fernandez (presidente Emdr Italia e Emdr Europe).

L’idea da un sogno

L’idea di scrivere questo libro, nasce da un sogno, quello di sua figlia Aurora, nel primo lockdown: «Una mattina mi ha raccontato di aver fatto un sogno bellissimo – racconta Valentini – che tutto era tornato normale e che poteva tornare a scuola e rivedere i suoi compagni. Era un periodo di sofferenza e costrizione, quel sogno raccontato, mi ha dato la spinta a cercare di fare qualcosa per aiutare, pur da casa e con il quarto pancione».

Il percorso di Dora

“Il meraviglioso mondo di Dora”, già ordinabile online sul sito di Graficamente, è una favola in rima ispirata al Mago di Oz. La protagonista è Dora, «incarna l’autoconsapevolezza – spiega Valentini – e lungo il percorso sul sentiero d’oro, incontra personaggi da cui acquisirà nuove competenze». C’è il Leone, che rappresenta il coraggio di prendere decisioni e posizioni, l’Omino di latta, che rappresenta l’empatia, e poi lo Spaventapasseri, che rappresenta la capacità di risolvere problemi e di gestire la rabbia. Insieme si dirigono dal Gran mago Corona, che ha piegato il mondo al suo volere.

Le prove

Dora e i personaggi lungo il loro percorso affrontano delle prove, ciascuna rappresenta richiama le sfide del presente: «Il Gran precipizio è l’imprevisto, che come il virus stravolge i piani e arriva inaspettato, nell’enorme fiume non scorre acqua mai pensieri negativi che ci rivolgono gli altri, nel deserto al posto della sabbia ci sono i pensieri negativi che rivolgiamo a noi stessi». Per superare le prove Dora e i suoi compagni di viaggio devono imparare ad usare le risorse che già possiedono e quelle che gli appartengono grazie al loro vissuto e alle persone che hanno incontrato nel loro percorso.

Schede operative e giochi

«Il libro propone diverse schede operative con attività che possono aiutare bambini e bambine, attraverso attività pratiche ad affrontare la realtà che ci circonda», spiega Valentini. C’è ad esempio il Barattolo speciale, dove riporre le emozioni disturbanti, la Coperta morbida, un gioco che Dora ricorda dall’infanzia, uno spazio caldo in cui sentirsi sicuri e dove lasciare spazio alle cose che fanno soffrire, poi c’è il Gioco dei pensieri felici che invita i bambini «ad accogliere qualcosa che ci fa stare bene e lasciare andare qualcosa che invece ci fa stare male», e poi L’abbraccio della Farfalla.

Un libro per tutti

Il libro si conclude con il ritorno a casa di Dora, che ritrova i genitori, «le voci che sente sono quelle del tg, dove si parla di Coronavirus». «In questo libro – sottolinea Valentini – i genitori sono una risorsa, mediano il contesto e gli eventi e questi vengono vissuti insieme. Dora lungo tutto il percorso ha uno zaino che un po’ alla volta di riempie delle abilità che la aiutano a diventare resiliente, perché di fronte alle cose che non puoi cambiare, puoi cambiare il modo in cui le vivi attraverso le risorse che acquisisci da te e dagli altri». Il libro non ha un taglio tecnico, pur essendo rigoroso dal punto di vista scientifico, «è adatto ad educatori ed operatori del settore, ma può essere usato – assicura Valentini – anche dai genitori, o dagli insegnanti».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui