“P.assaggi di vino” in tre serate si punta a vendere 30mila calici

“P.assaggi di Vino” spegne questo week end (da oggi a domenica) le 20 candeline. Lo fa come sempre sotto la regia della Strada dei Vini e dei Sapori. Nato nel 2004 al Ponte di Tiberio, l’evento ha “itinerato” un po’ fra piazza Cavour, in riva al mare (due edizioni) e piazza Tre Martiri prima di tornare al Borgo San Giuliano e in quella Piazza sull’Acqua che ne è diventata la destinazione naturale.

In alto i calici

«Mettiamo insieme 26 cantine e 30 produttori complessivi, compresi i 4 ristoratori fornitori dei cestini da pic nic. Cinque invece i punti food e contiamo di raddoppiare i 15.000 bicchieri venduti dodici mesi fa. Fra l’altro ritroviamo anche l’accompagnamento musicale che lo scorso anno non era consentito e in cartellone abbiamo inserito l’Unfergettable Djset. Senza dimenticare che in questo secondo anno di Rimini Rebola dopo il battesimo 2021 ci presentiamo ancora più forti del consenso del percorso che stanno compiendo le 16 cantine aderenti al progetto» spiega il presidente del Consorzio Sandro Santini, rivelando: «La mia passione per la filosofia è oramai nota e scendendo in motorino da Coriano per questa presentazione la mente mi è corsa a due frasi: il “Cogito ergo sum” di Cartesio e “lo spirito della finestra”: insieme rappresentano al meglio questo evento 2022, la ragione e il sentimento, perché credo che questa edizione di P.assaggi di vino che compie 20 anni è quella della consapevolezza e del cuore, dello spirito e dell’orgoglio di essere sistema con Rimini e per Rimini».

Una sinergia che si fa cartolina

Un tema ripreso e approfondito da tutti i rappresentanti istituzionali. A partire dall’assessore Kristian Gianfreda. «La freschezza e la bellezza trovate nella Strada dei Vini e dei Sapori e il grosso legame instaurato con il territorio sono plus per cui non possiamo che ringraziare produttori che portano avanti un progetto di tutta la comunità: il fare imprenditoria all’interno di una comunità è determinante e il percorso della Rebola ne è un esempio lampante di cui tutti andiamo molto fieri. Come Comune facciamo e faremo qui di tutto il possibile per sostenere un lavoro molto serio, attento, di grande qualità e in grande ascesa che si candida a vero e proprio volano di un territorio che mette insieme mare ed entroterra. Unire le eccellenze è una delle nostre mission e oggi parliamo appunto di un’eccellenza» ha spiegato, trovando la piena sintonia della direttrice di Visit Romagna Chiara Astolfi: «P.assaggi di vino è un format che ha fatto storia e ha insegnato anche ad altre realtà . Abbiamo sempre appoggiato e sostenuto l’iniziativa perché ricalca in pieno la nostra strategia: più produttori e più luoghi stanno insieme per veicolare e promuovere un territorio in una bellissima sinergia fra mare e borghi. Già vedo che si sta colpendo nel segno e invito tutti a vederci subito dopo l’estate per la sfida grandissima del workshop internazionale Good sul food di Parma che vogliamo lanciare sempre più».

Sulla stessa lunghezza d’onda Giovanna Briganti per la Camera di Commercio della Romagna: «Abbiamo un orizzonte di area vasta ma questo non significa rinunciare alle tipicità locali, tutt’altro: siamo anzi per sostenere il più possibile i produttori ed essere qui oggi diventa un messaggio di rinascita e resilienza. Per questo patrociniamo e sosteniamo economicamente sia l’evento che il progetto Rimini Rebola».

Idem, la portavoce dell’Associazione Borgo San Giuliano Enrica Mancini: «P.assaggi di vino è un esempio di come insieme si possano fare esperienze e cose uniche: la Strada è stata bravissima a riunire i produttori, noi ristoratori abbiamo sempre l’occhio attento alle nostre colline e tutti insiemevogliamo offrire una experience cartolina non solo del Borgo ma di tutta la provincia. Ringraziamo anche il Comune che ci ha regalato una location unica come la Piazza sull’Acqua»

Infine, chiude il cerchio Rinaldo Pascucci, responsabile Agricoltura di Rivierabanca: «La parola che ci unisce è territorio, il Consorzio della Strada dei Vini è l’emblema di chi lo lavora e valorizza e anche come banca vogliamo che brilli sempre più: per questo ci sentiamo partner e non sponsor. E per questo sabato 9 luglio nel giorno in cui si costituirà il nostro Consorzio dei Giovani Soci regaleremo a ognuno di loro l’ingresso a P.assaggi di vino».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui