Il Teatro del Drago di Ravenna continua online la 32ª rassegna di teatro di figura “Le arti della marionetta”. «Nonostante i dubbi che ci assillavano per la modalità a distanza che, noi pure, siamo stati costretti a intraprendere, e per la prima volta – fa sapere Roberta Colombo – ci sentiamo abbastanza soddisfatti. I nostri spettacoli riescono anche a bucare il video, nonostante sia un surrogato rispetto alla forma dal vivo, in questi momenti di emergenza è un’alternativa importante per mantenere attivo il rapporto col nostro pubblico».

Così oggi, dalle ore 17, su piattaforma Zoom, i burattini del Teatro del Drago presentano lo spettacolo “Fagiolino fanfan!” con Fagiolino protagonista assoluto della baracca. I fratelli Monticelli tornano a ridare spazio a un classico della tradizione burattinesca emiliano-romagnola quale è Il Tarlantan della Moscovia. In diretta dalle Arteficerie Almagià di Ravenna, presentano una versione inedita dello spettacolo rivisitata per la fruizione virtuale. La storia prende le mosse dalla morte in circostanze misteriose del pappagallo del Dottore, e il Dottore decide di indagare. Fagiolino, vero colpevole della “disgrazia” del pappagallo, riesce a non farsi licenziare; gli innocenti Sandrone e Brighella invece, restano senza lavoro e si vendicano. Peripezie, scherzi e immancabili bastonate rimettono a posto ogni cosa, fino al lieto fine.

Lo spettacolo, adatto a bambini dai 5 ai… 99 anni, esalta la briosità tipica della farsa o commedia brillante burattinesca. I Monticelli attingono da vecchi canovacci infarciti di sproloqui, detti e dialetti maccheronici emiliani. La cosa interessante è che anche nella modalità online il pubblico viene coinvolto come dal vivo. A spettacolo terminato, grazie alle possibilità della piattaforma digitale, i bambini possono avvicinare i burattini e scoprire curiosità inedite sulle tecniche artigianali dell’antica arte. La connessione allo spettacolo costa 10 euro.

Info: 392 6664211
www.vivaticket.com.

Argomenti:

burattini

monticelli

Teatro del Drago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *