RAVENNA. I carabinieri, coordinati dal procuratore capo Alessandro Mancini e dal sostituto procuratore Lucrezia Ciriello, stanno indagando su quanto accaduto questa notte in un’abitazione di via Aguta dove una 31enne, Elisa Bravi, è stata trovata senza vita. Arrestato il marito Riccardo Pondi, 39 anni, sentito per oltre quattro ore alla presenza del suo avvocato difensore, il legale Francesco Manetti. La coppia, che aveva due bambine di 3 e 6 anni, era andata a vivere nella villetta alle porte di Glorie di Bagnacavallo da poco più di un anno. A innescare la tragedia sarebbe stata una lite in famiglia al termine della quale l’uomo l’avrebbe strangolata. E’ stato sempre il marito, che aveva vinto di recente il concorso per entrare nei vigili del fuoco e che stava seguendo il corso di addestramento a Bologna, a dare l’allarme al 118 cercando egli stesso di rianimarla.

La villetta dove è avvenuta la tragedia (foto Massimo Fiorentini)
Argomenti:

omicidio

ravenna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *