FORLI’. Fa oltre 400 telefonate ai numeri di emergenza per protestare contro le limitazioni alla circolazione delle persone. Un 60enne forlivese già noto alle forze dell’ordine è stato denunciato alla magistratura per i reati di interruzione o turbamento di servizio pubblico, procurato allarme e molestie, in relazione al comportamento tenuto per una intera notte nei confronti degli operatori del numero unico di emergenza 112, del 118 e del 115. L’uomo, in modo petulante, nell’arco della notte ha effettuato 410 chiamate mute, con musica di sottofondo, utilizzando due telefoni cellulari in suo possesso, impegnando le linee di emergenza e impedendo o comunque rendendo difficoltoso a potenziali utenti di ottenere soccorso in caso di necessità. Agli agenti che lo hanno rintracciato presso la sua abitazione si è giustificato affermando di essere stanco di restare chiuso in casa, di non avere sonno e di avere impegnato il tempo in quel modo per manifestare il suo disappunto verso le autorità che gli impedivano di uscire liberamente.

Argomenti:

Forlì

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *