“O mi dai i soldi della scommessa o ti ammazzo di botte”: condannato

Due anni e sei mesi di reclusione e 600 euro di multa. È la condanna inflitta dal tribunale di Rimini al brindisino Massimo Carlucci, 40 anni, domiciliato a Gatteo, processato con le accuse di estorsione e lesioni personali ai danni della gerente di una sala scommesse scommesse e di un suo collega. Il 28 ottobre del 2017, Carlucci l’aveva aggredita ritenendola “colpevole” ai suoi occhi di non avere accettato una scommessa a credito richiesta da un suo complice mai identificato, rivelatasi poi fortunata e vincente. Il pugliese con l’amico aveva quindi atteso che la donna – una trentenne poi trasferitasi in Svizzera da dove è venuta appositamente per deporre – chiudesse la sala, è l’ha avvicinata mentre si trovava in auto con il collega. «Non ho vinto solo per colpa tua: adesso devi ripagarmi. Come facciamo? O mi dai i soldi tu o mi da i soldi lei. Altrimenti riempio di botte te, e ammazzo di botte lei». Inutili le spiegazioni date dalla donna, sulla sua impossibilità di fare una cosa del genere. La risposta erano stati uno spintone e un paio di ceffoni, trattamento riservato anche all’amico collega intervenuto per soccorrerla. Così facendo un risultato l’aveva ottenuto: farsi consegnare dalla ragazza 200 euro. L’aggressore si era presentato una prima volta alla sala scommesse al mattino con cento euro, ma la sua giocata non era andata a buon fine. La seconda volta, nel pomeriggio, “forte” di una dritta che aveva ricevuto, lo sconosciuto aveva inutilmente implorato la dipendente di farlo puntare anche se non aveva i soldi. L’arresto di Carluccio era arrivato dopo le indagini condotte carabinieri della stazione di Miramare coordinati dal pubblico ministero Luca Bertuzzi.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui