RAVENNA. Dopo le sardine arrivano i “Sardoni”, un movimento che nasce a Ravenna ma di valenza nazionale composto dai genitori e da nonni dei ragazzi che stanno riempiendo le piazze di tutta Italia. «Tutto è nato da un semplice episodio – racconta il portavoce Daniele Perini -. Un nonno va a prendere la nipotina di 6 anni a scuola e lei, consegnandogli un disegno con una sardina stilizzata, gli dice: “io sono una ‘sardina’, perché non diventi un Sardone?”». Da qui l’idea, che ha già trovato in poche ore moltissimi nonni sostenitori i quali hanno deciso di creare un movimento nazionale parallelo. Non vogliono addormentarsi davanti all’indifferenza, Ravenna ha avuto il primo martire antifascista con don Minzoni. Si tratta delle generazioni che hanno ricostruito l’Italia. Contatteremo le sardine bolognesi per essere al loro fianco in ogni occasione». I sardoni hanno già fissato il loro primo flash mob: il 6 gennaio, giorno della Befana scenderanno in piazza a Ravenna per sostenere il movimento antifascista delle sardine.

Argomenti:

nonni

ravenna

sardine

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *