Rimini, non indica l’etnia dello stupratore e così il caso viene archiviato

Un anno fa, grazie a una coraggiosa reazione, evitò di essere stuprata da uno straniero che l’aveva assalita in pieno giorno, si era gettato sopra di lei agitando una bottiglia rotta e le aveva rivolto frasi oscene per intimidirla. Alla paura provata quel giorno e alla frustrazione di sapere che c’è ancora un potenziale violentatore a piede libero ora si aggiunge la delusione per l’archiviazione del caso. Si era detta certa di poter riconoscere l’aggressore se soltanto le avessero mostrato una sua immagine, ma gli investigatori hanno scelto di non farle vedere le foto degli album segnaletici perché lei non era in grado di circoscrivere la nazionalità del bruto.

L’articolo completo sul Corriere Romagna oggi in edicola

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui