IMOLA. Il cambio di sede, seppur all’ultimo momento, ha portato bene alla “Corri con l’Avis”, che ieri mattina in Piazza Matteotti ha totalizzato ben 2.600 concorrenti. La città in riva al Santerno vanta, insieme al “Giro dei Tre Monti”, che ha tagliato il traguardo del mezzo secolo, due delle classiche più amate dai romagnoli e dai bolognesi, i quali anche in questa occasione sono scesi in massa per la prova agonistica, che ha toccato quota 526. Il clima ha anticipato di qualche giorno l’arrivo della primavera, per non dire dell’estate (27 gradi a mezzogiorno), quindi i crono finali hanno subìto un ulteriore gap, oltre all’altimetria, che presentava la scalata a Codrignano verso metà dei km 21,097 proposti come sempre dalla Polisportiva Avis. Un assolo dopo il sesto chilometro ha regalato al marchigiano Marco Ercoli il secondo trionfo, dopo il 2016, stavolta facendo segnare 1.14’27” senza troppi patemi, dato che i primi tra gli inseguitori Raiti e Barcelli hanno incassato 1’30” e Maio 1’58”, poi i distacchi si son fatti considerevoli. Monteruccioli ha chiuso dopo 3’36”, Fuschini 4’07”, Becca, primo imolese, 4’47”, come Sperindei, Marco Valeri 5’15” e decimo Turricchia in 1.20’32”. Tra le donne centra un prestigioso poker consecutivo, che sommato al trionfo del 2006 la colloca tra le plurivincitrici, Nadiya Chubak, col tempo di 1.25’48”. L’ex ucraina abita a 200 metri dalla piazza, e per ragioni di cuore partecipa solo a questa mezza maratona ogni anno, dovendo fare i conti con gli acciacchi, che le permettono di recuperare meglio le fatiche sino ai km 15, ma comunque i distacchi dalle bolognesi Battacchi (1’55”) e Burgess (2’24”) la dicono lunga sulle sue doti di resistenza. Nelle categorie per età centrano l’oro, Maio, Monteruccioli, Claudio Valeri (1.22’22”), Gruppioni (1.30’24”), e tra le donne Mascaro (1.30’30”), Benini (1.32’37”) e Masetti (1.46’26”).

Castiglione del Lago

Nemmeno a dirlo, Federica Moroni torna a Rimini dominando la prova femminile della “Strasimeno” di km 58, in 4.05’05”, nona assoluta al traguardo, preceduta anche dai nostri Farina (settimo in 4.01’43”) e Borlenghi (sesto, in 4.00’45”). Nella prova annessa di km 21, successo per Del Priore in 1.13’24”.

Vittorio Veneto

Buone nuove anche dalla “Maratonina della Vittoria”, dove il marocchino di Savignano, Benhamdane ha centrato l’argento in 1.07’01”, ed il connazionale di Santarcangelo, El Haissoufi la decima piazza (1.13’40”), mentre tra le donne è quinta la Nanu (1.28’19”).

Milano

Continua invece il Giro d’Italia di Eleonora Gardelli, che dopo il “personale” sui km 21 ad Oristano, in qualità di ambasciatrice del marchio Endu, è stata chiamata come testimonial alla “Digital Run”. Anche se i 10 km ancora fatica a digerirli, la sarda di Forlì, si è piazzata quarta in 38’31”, ma una speciale classifica che premiava gli split l’ha vista trionfare negli ultimi 100 metri, rispetto a tutte le avversarie.

Argomenti:

imola

marche

podismo

runner

vince

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *